Articolo aggiuntivo n. 22.04 al ddl C.2325 in riferimento all'articolo 22.

testo emendamento del 23/01/20

  Dopo l'articolo 22, aggiungere il seguente:

«Art. 22-bis.
(Razionalizzazione degli uffici giudiziari della regione Sardegna)

  1. Per il rafforzamento dei presidi di legalità del territorio della regione Sardegna e al fine di garantire la funzionalità dell'organizzazione giudiziaria e la razionalizzazione degli uffici giudiziari dell'isola, anche in attuazione delle previsioni di cui ai commi da 432 a 436 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, sono istituite, in Sassari, la Corte d'Appello e la Procura generale presso la Corte d'Appello di Sassari, con giurisdizione sui circondari dei Tribunali di Nuoro, Sassari e Tempio Pausania.
  2. È istituita la Corte d'Assise d'Appello, nella cui circoscrizione sono compresi i circoli della Corte d'Assise di Sassari e della Corte d'Assise di Nuoro, Conseguentemente sono soppresse la sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari, la Procura Generale della Repubblica presso la sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari e la sezione distaccata di Sassari della Corte d'Assise d'Appello di Cagliari.
  3. La pianta organica dei magistrati della Corte d'Appello di Sassari, della Procura generale e della Corte d'Assise d'Appello è determinata con decreto dal Ministro della giustizia, tenuto conto di quella prevista dal decreto del Ministro della giustizia del 2 agosto 2017 per la sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari e per la Procura Generale della Repubblica presso la sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari, in attuazione dell'articolo 1, comma 379, della legge 30 dicembre 2018, n. 145.
  4. Al fine della copertura delle piante organiche, i magistrati già assegnati agli uffici giudiziari soppressi della sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari entrano di diritto a far parte dell'organico della Corte d'Appello di Sassari, della Procura generale e della Corte d'Assise d'Appello ai cui uffici, ai quali sono trasferite le funzioni, sono assegnati.
  5. I magistrati che esercitano le funzioni, anche in via non esclusiva, presso la sezione distaccata soppressa si intendono assegnati alla sede principale.
  6. L'assegnazione prevista dal comma 4 non costituisce assegnazione ad altro ufficio giudiziario o destinazione ad altra sede ai sensi dell'articolo 2, terzo comma, del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, né costituisce trasferimento ad altri effetti e, in particolare, agli effetti previsti dall'articolo 194 del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e dall'articolo 13 della legge 2 aprile 1979, n. 97, come sostituito dall'articolo 6 della legge 19 febbraio 1981, n. 27. Sono tuttavia fatti salvi i diritti attribuiti dalla legge 18 dicembre 1973, n. 836, e dalla legge 26 luglio 1978, n. 417, alte condizioni ivi stabilite, nel caso di fissazione della residenza in una sede di servizio diversa da quella precedente determinata dall'applicazione delle disposizioni del presente decreto.
  7. I giudici ausiliari di Corte d'Appello già addetti alla sezione soppressa, sono assegnati di diritto agli uffici giudiziari della Corte d'Appello di Sassari cui sono trasferite le funzioni.
  8. Il Ministro della giustizia apporta con proprio decreto le necessarie variazioni alla tabella A allegata all'ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e successive modificazioni.
  9. La pianta organica del personale amministrativo e ausiliario è determinata con decreto del Ministro della giustizia, tenuto conto di quella prevista dal decreto ministeriale 19 maggio 2015 e dal decreto ministeriale 14 febbraio 2018.
  10. Il personale amministrativo e ausiliario già assegnato alla sezione distaccata soppressa entra di diritto a far parte dell'organico della Corte d'Appello e della Procura generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Sassari cui sono trasferite le funzioni, così come il personale in servizio presso l'ufficio Notificazioni Esecuzioni e Protesti.
  11. Al personale amministrativo con qualifica dirigenziale già addetto alla sezione soppressa di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari è attribuito un incarico di funzione dirigenziale di pari livello nella Corte d'Appello di Sassari e nella Procura generale della Repubblica presso la stessa cui sono trasferite le funzioni.
  12. Con riferimento alle risorse umane, il trasferimento opera per il personale a tempo indeterminato della Corte d'Appello di Cagliari già in servizio presso la sezione distaccata di Sassari, ivi compreso il personale in assegnazione temporanea presso altre amministrazioni, nonché il personale a tempo determinato con incarico dirigenziale, entro i limiti del contratto in essere.
  13. Le risorse strumentali e finanziarie, compresa la gestione residui, della Corte d'Appello di Cagliari già disponibili e in uso alla sezione distaccata di Sassari, sono trasferite e destinate all'esercizio delle funzioni oggetto del trasferimento alla Corte d'Appello e alla Procura generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Sassari.
  14. Con riferimento alle risorse finanziarie, il trasferimento opera con riferimento alle risorse finanziarie non impegnate alla data della presente legge afferenti alle spese di funzionamento e quelle relative ai beni strumentali.
  15. I procedimenti pendenti presso la sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello e della Corte d'Assise d'Appello di Cagliari e presso la sezione distaccata di Sassari di Cagliari proseguono senza soluzione di continuità innanzi i medesimi magistrati, i medesimi Giudici ed i medesimi Collegi e sono definiti dalla Corte d'Appello e dalla Corte d'Assise d'Appello di Sassari.
  16. La legge 30 luglio 1990, n. 219, è abrogata.
  17. Le disposizioni di cui ai commi da 1 a 16 entrano in vigore a decorrere dal 1o gennaio 2021. Il Consiglio superiore della magistratura provvede alla nomina del presidente della Corte d'Appello di Sassari e del Procuratore Generale presso la medesima entro il 31 dicembre 2020.
  18. Entro il 1o luglio 2021 è costituito il Consiglio Giudiziario del distretto della Corte d'Appello di Sassari.
  19. Tutte le questioni pendenti e sopravvenute sino alla data di costituzione del Consiglio Giudiziario del distretto della Corte d'Appello di Sassari relative alla sezione distaccata di Sassari della Corte d'Appello di Cagliari, sono di competenza e sono decise dal Consiglio Giudiziario del distretto della Corte d'Appello di Cagliari.
  20. Dall'attuazione del presente articolo non derivano nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica e si provvede nell'ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.
  21. Ai fini della tempestività funzionalità degli uffici al momento di entrata in vigore delle disposizioni del presente articolo, le amministrazioni interessate provvedono senza ritardo agli adempimenti previsti dal medesimo articolo, nell'ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.»