Proposta di modifica n. 4.41 al ddl C.2267 in riferimento all'articolo 4.

testo emendamento del 03/12/19

  Dopo il comma 4-novies, aggiungere i seguenti:

4-decies.

  All'articolo 1, comma 1, della legge 29 gennaio 1992 n. 113, sono aggiunte in fine le seguenti parole: «Il numero minimo di alberi piantumati annualmente deve seguire i seguenti criteri:
   a) i comuni con popolazione inferiore o uguale a 15.000 abitanti minimo 100 alberi per anno solare;
   b) i comuni con popolazione tra 15.001 e 50.000 abitanti minimo 200 alberi per anno solare;
   c) i comuni con popolazione tra 50.001 e 100.000 abitanti minimo 300 alberi per anno solare;
   d) i comuni con popolazione maggiore o uguale a 100.001 abitanti minimo 500 alberi per anno solare.».

4-undecies.

  All'articolo 3-bis della legge 29 gennaio 1992, n. 113, dopo il comma 2 sono inseriti i seguenti:
  2-bis. Con riferimento alle funzioni e ai compiti spettanti agli enti locali, in caso di inadempienza, il prefetto, al fine di assicurare la piantumazione degli alberi alle condizioni e nei termini di cui all'articolo 1 e di pubblicazione del bilancio arboreo di cui al comma 2, assegna un termine di 90 giorni per l'adempimento degli obblighi decorso il quale provvede alla nomina di un commissario ad acta.
  2-ter. L'adempimento dell'obbligo di porre a dimora un albero di cui al comma 1 costituisce criterio di premialità nell'attribuzione e nella ripartizione delle somme previste a valere sul Fondo rotativo, istituito dall'articolo 1, comma 1110, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. A tale fine, il competente Comitato per lo sviluppo del verde pubblico, di cui all'articolo 3 della legge 14 gennaio 2013, n. 10, provvede all'elaborazione di linee di indirizzo per la fissazione di criteri specifici di ripartizione con apposita deliberazione da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione.