Articolo aggiuntivo n. 5.03 al ddl C.2211 in riferimento all'articolo 5.
  • status: Approvato

testo emendamento del 13/11/19

  Dopo l'articolo 5, aggiungere il seguente:

Art. 5-bis.
(Incentivi per l'insediamento nei piccoli comuni colpiti da eventi sismici)

  1. Al fine di favorire il riequilibrio insediativo ed il recupero dei comuni colpiti da eventi sismici del 2016, le regioni possono predisporre incentivi finanziari e premi di insediamento a favore di coloro che trasferiscono la propria residenza e dimora abituale nei comuni con meno di 3.000 abitanti compresi negli allegati 1, 2 e 2-bis, del decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189 convertito con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016 n. 229, impegnandosi a non modificarla per un decennio.
  2. Gli incentivi ed i premi di insediamento possono essere attribuiti a titolo di concorso per le spese di trasferimento, nonché di acquisto, ristrutturazione o costruzione di immobili da destinarsi a prima abitazione. In oltre possono essere predisposte ulteriori forme di agevolazione. Gli stessi benefici possono essere attribuiti ai già residenti.
  3. Le regioni individuano i comuni ai quali sono riservati i suddetti benefici, in ragione del patrimonio abitativo della dotazione di servizi e dell'andamento demografico.

nuova formulazione del 20/11/19

  Dopo l'articolo 5, aggiungere il seguente:

Art. 5-bis.
(Incentivi per l'insediamento nei piccoli comuni colpiti da eventi sismici).

  1. Al fine di favorire il riequilibrio demografico e la ripresa economica dei comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016, le regioni possono predisporre, con oneri a proprio carico, incentivi finanziari e premi di insediamento a favore di coloro che trasferiscono la propria residenza e dimora abituale nei comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti indicati negli allegati 1, 2 e 2-bis al decreto-legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, impegnandosi a non modificarla per un decennio.
  2. Gli incentivi finanziari e i premi di insediamento di cui al comma 1 possono essere attribuiti a titolo di concorso per le spese di trasferimento e per quelle di acquisto, di ristrutturazione o di locazione di immobili da destinare ad abitazione principale del beneficiario. Le regioni possono predisporre ulteriori forme di agevolazione. I benefìci possono essere attribuiti anche ai soggetti già residenti nei comuni di cui al comma 1.
  3. Le regioni individuano i comuni ai quali sono riservati i benefìci di cui al presente articolo, in ragione del patrimonio abitativo, della dotazione di servizi e dell'andamento demografico.