Proposta di modifica n. 21.2 al ddl S.1165 in riferimento all'articolo 21.

testo emendamento del 10/04/19

Dopo il comma 1, aggiungere il seguente:

        Â«1-bis. All'articolo 4, del decreto-legge 14 febbraio 2016, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 aprile 2016, n. 49, dopo il comma 1, sono aggiunti i seguenti:

        ''1-bis. Le società cedenti di cui all'articolo 3, comma 1, che accedono alla garanzia pubblica sulle cartolarizzazioni, sospendono le procedure esecutive immobiliari verso persone fisiche, fino alla data del 1º gennaio 2021, qualora siano soddisfatti i seguenti requisiti:

            a) l'immobile oggetto di esecuzione:

                1) sia l'unico di proprietà del debitore e del nucleo familiare;

                2) sia adibito ad uso abitativo e il debitore vi risieda anagraficamente;

                3) non sia un'abitazione qualificata come di lusso' ai sensi del decreto del Ministro per i lavori pubblici 2 agosto 1969, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969;

            b) il debitore:

                1) abbia avviato una pratica per la gestione della crisi da sovraindebitamento di cui alla legge 27 gennaio 2012, n. 3;

                2) abbia un reddito lordo inferiore a 20.000 euro.

        1-ter. Con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, da adottarsi entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono dettate le modalità per la compensazione dei mancati introiti temporanei riferiti ai casi di cui al comma 1-bis).

        1-quater. Agli oneri derivanti dall'attuazione del comma 1-bis, pari a 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021, di provvede mediante corrispondente riduzione del fondo di cui all'articolo 10, comma 5, del decreto legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307.''».