Sub Emendamento n. 15.0.9/7 dell'emendamento 15.0.9 al ddl S.1662 in riferimento all'articolo 15.

testo emendamento del 06/07/21

All'emendamento 15.0.9 apportare le seguenti modificazioni:

            a) dopo la lettera b) inserire la seguente:

        Â«b-bis) al secondo comma dopo le parole: '' l'ascolto'' sono inserite le seguenti: ''non delegabile''»;

            b) al comma 2, sostituire la lettera a) con la seguente:

            a) al primo comma, le parole: «Quando il minore è moralmente o materialmente abbandonato o è allevato in locali insalubri o pericolosi, oppure da persone per negligenza, immoralità, ignoranza o per altri motivi incapaci di provvedere all'educazione di lui» sono sostituite dalle seguenti: «Quando il minore è moralmente e materialmente abbandonato e si trova esposto, nell'ambiente familiare, a grave pregiudizio e pericolo per la sua incolumità psicofisica»;

            c) alla lettera b), primo capoverso, dopo le parole: «residenza abituale» inserire le seguenti: «he corrisponde al luogo in cui si trova di fatto il centro della sua vita al momento della proposizione della domanda riguardante la responsabilità genitoriale nei confronti del minore, da accertare sulla base di elementi di fatto»;

            d) sostituire il comma 5 con il seguente:

        Â«5. All'articolo 78 del codice di procedura civile sono aggiunti in fine i seguenti commi:

        ''Il giudice provvede, anche d'ufficio, alla nomina del curatore speciale del minore in tutti i casi in cui i genitori, che esercitano la responsabilità genitoriale sono temporaneamente inadeguati a rappresentare gli interessi del minore per gravi ragioni, o si trovano con lo stesso in conflitto di interessi.

        Il provvedimento di nomina indica gli elementi di fatto concernenti la grave e concreta inadeguatezza di ciascun genitore e l'inidoneità a rappresentare il minorenne che non possono in alcun caso essere ravvisate in patologie prive di evidenze scientifiche.

        Il curatore speciale non può essere nominato quando un genitore sia vittima di una qualsiasi forma di violenza da parte dell'altro genitore.''»;

            e) al comma 6, lettera b), capoverso, secondo periodo, dopo le parole: «315-bis del codice civile» inserire le seguenti: «, tenendo conto delle esigenze manifestate dal minore, anche infradodicenne capace di esprimere la propria volontà, e lo rappresenta in giudizio solo previa sua consultazione.».