Articolo aggiuntivo n. 6.0.42 al ddl S.2144 in riferimento all'articolo 6.
  • status: Ritirato

testo emendamento del 10/05/21

Dopo l'articolo, inserire il seguente:

«Art. 6-bis.

(Ulteriori disposizioni per la riqualificazione ed il miglioramento delle strutture ricettive e termali)

        1. All'articolo 10 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, come integrata dall'articolo 79, comma 2, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:

            a) al comma 1, le parole: ''esistenti alla data del 1º gennaio 2012'' sono sostituite dalle seguenti: ''esistenti alla data del 1º gennaio 2018'';

            b) dopo il comma 1, aggiungere:

        ''1-bis. Per le spese sostenute durante il periodo di validità della comunicazione della Commissione Europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final 'Quadro temporaneo per le misure di aiuti di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del Covid-19' e successive modificazioni, il credito d'imposta di cui al comma precedente è riconosciuto, fino ad un massimo di 800.000,00 euro'';

            c) al comma 2, le parole: ''e di incremento dell'efficienza energetica'' sono sostituite da: ''o di incremento dell'efficienza energetica'';

            d) dopo il comma 4, aggiungere il seguente:

        ''4-bis. I soggetti beneficiari dei crediti d'imposta suindicati possono, in luogo dell'utilizzo diretto, optare per la cessione, anche parziale, degli stessi crediti ad altri soggetti, ivi inclusi i locatori, gli istituti di credito e altri intermediari finanziari'';

            e) dopo il comma 4, dell'articolo 79 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126, è inserito il seguente:

        ''5. In occasione della presentazione dell'istanza relativa allo stanziamento per l'anno 2020, sono considerate ammissibili le spese sostenute nell'anno 2019 e 2020;''.

        2. Ai fini dell'attuazione del presente articolo l'autorizzazione di spesa di cui al comma 7, dell'articolo 10 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106 e successive modificazioni e integrazioni, è rifinanziata di 50 milioni di euro a decorrere dal 2021.

        3. Agli oneri derivanti dal presente articolo si provvede mediante utilizzo delle risorse residue e non impegnate di cui all'articolo 176 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77».