Proposta di modifica n. 1.70 al ddl S.2054 in riferimento all'articolo 1.
  • status: Precluso
argomenti:  

testo emendamento del 30/12/20

Dopo il comma 123, aggiungere i seguenti:

        Â«123-bis. È istituito, nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, il Fondo per la riqualificazione e il potenziamento delle attività commerciali di vicinato nei centri storici con popolazione inferiore a 15.000 abitanti, di seguito denominato ''Fondo'', con una dotazione iniziale di 300 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023.

        123-ter. Il Ministro dello sviluppo economico, previa intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, stabilisce con proprio regolamento, da adottare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, gli indirizzi per il funzionamento e per la ripartizione del Fondo di cui al comma 123-bis, tra le regioni e le province autonome, in rapporto alla quota di risorse messe a disposizione dalle singole regioni e province autonome.

        123-quater. Il Fondo di cui al comma 123-bis è utilizzato, nei limiti delle risorse ivi iscritte, per il finanziamento di contributi:

            a) per le spese di ristrutturazione, di ammodernamento e di messa in sicurezza degli esercizi commerciali;

            b) per il pagamento dei canoni di locazione dovuti ai proprietari degli immobili pubblici e privati. 123-quinquies. Una quota delle risorse del Fondo, stabilita con il regolamento di cui al comma 123-ter, è ripartita tra i comuni che ne fanno richiesta per la realizzazione di programmi d'iniziativa pubblica, da attuare in convenzione con soggetti privati, finalizzati a incentivare l'insediamento delle attività commerciali all'interno delle zone del commercio.

        123-sexies. Agli oneri derivanti dai commi da 123-bis a 123-quinquies, pari a 300 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per far fronte ad esigenze indifferibili che si manifestano nel corso della gestione di cui all'articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n, 190, come rifinanziato dal comma 1141, della presente legge».