Proposta di modifica n. 1.1000/3000/402 al ddl S.1994 in riferimento all'articolo 1.
  • status: Ritirato

testo emendamento del 07/12/20

Al subemendamento 1.1000/3000, lettera i), dopo capoverso «Art. 19-ter.1», aggiungere il seguente:

«Art. 19-ter.1-bis.

(Credito d'imposta spese esami strumentali per infezione da SARS-CoV-2)

        1. Al fine di sostenere la tutela dei lavoratori, nonché in considerazione delle misure di prevenzione e contenimento per l'esposizione al rischio di contagio da COVID-19 nei luoghi di lavoro, ai titolari attività di impresa è riconosciuto un credito di imposta in misura pari al 50 per cento delle spese sostenute o maturate nel 2020 e 2021 per l'eventuale espletamento obbligatorio ai propri lavoratori di esami strumentali complementari ai test diagnostici antigenici o molecolari per la ricerca di COVID-19 (SARS-CoV12), fino ad un massimo di 10.000 euro, nel limite complessivo di 30 milioni di curo per l'anno 2021.

        2. Gli accertamenti strumentali di cui al comma i devono essere decisi con il medico competente nominato dai titolari di impresa, specialista in medicina del lavoro, come previsto dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in relazione all'età anagrafica e alle condizioni di salute generali del lavoratore.

        3. Agli oneri derivanti dall'attuazione del presente articolo, pari a 30 milioni di euro per l'anno 2021 si provvede mediante corrispondente riduzione del fondo di cui all'articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190.».