Proposta di modifica n. 8.8 al ddl C.2670 in riferimento all'articolo 8.
  • status: Inammissibile (Id. em. 8.2, 8.21)

testo emendamento del 26/11/20

  Al comma 1, dopo la lettera a), aggiungere la seguente:

   a-bis) all'articolo 84, dopo il comma 4-bis, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, e successive modificazioni, è aggiunto il seguente comma:

   «4-ter. Ai fini della qualificazione delle imprese che hanno affidato lavorazioni in subappalto e delle imprese subappaltatrici le SOA si attengono ai seguenti criteri:

   a) l'impresa subappaltatrice può utilizzare per la qualificazione il quantitativo delle lavorazioni eseguite;

   b) l'impresa affidataria può utilizzare:

    1) i lavori della categoria prevalente, subappaltati nei limiti massimi di cui all'articolo 105, comma 2, terzo periodo, per l'intero importo;

    2) i lavori di ciascuna delle categorie scorporabili previste nel bando o nell'avviso di gara o nella lettera di invito, appartenenti alle categorie per le quali non è prescritta la qualificazione obbligatoria, per l'intero importo in ciascuna delle categorie scorporabili se le lavorazioni sono subappaltate entro il limite del trenta per cento riferito a ciascuna categoria; l'importo dei lavori di ciascuna categoria scorporabile subappaltata oltre il predetto limite, è decurtato della quota eccedente il trenta per cento e può essere, così decurtato, utilizzato, in alternativa, per la qualificazione nella categoria prevalente ovvero ripartito tra la categoria prevalente e la categoria scorporabile.».

  Conseguentemente, al comma 1, lettera b), sono apportate le seguenti modifiche:

   prima del punto 1), premettere il seguente:

    01) al comma 2, secondo periodo, dopo le parole: «dell'importo del contratto da affidare.» sono aggiunte le seguenti: «Per i lavori, le attività ovunque espletate sono quelle poste in essere nel cantiere cui si riferisce l'appalto»; il terzo periodo è sostituito dal seguente: «Tutte le prestazioni nonché le lavorazioni, a qualsiasi categoria appartengono, sono subappaltabili e affidabili in cottimo. Per i lavori, la stazione appaltante può vietare il subappalto della sola categoria prevalente, fino alla metà del suo importo. Ai fini della partecipazione alla gara, i requisiti relativi alle categorie subappaltabili o affidabili a cottimo non posseduti dall'impresa, devono essere da questa posseduti con riferimento alla categoria prevalente.»;

   al punto 1 ), prima del punto 1.1), aggiungere il seguente:

  1.01) la lettera a) è abrogata;

   dopo il punto 2) aggiungere i seguenti:

    2-bis) al comma 13, primo periodo, dopo le parole: «al subappaltatore, al cottimista» sono eliminate le seguenti: «al prestatore di servizi ed al fornitore di beni o lavori»; inoltre, è eliminata la lettera a): in fine, alla lettera c), dopo le parole: «se la natura lo consente» sono aggiunte le seguenti: «previa adeguata motivazione della stessa stazione appaltante».

    2-ter) al comma 14, sopprimere il primo periodo; al secondo periodo, dopo le parole: «della sicurezza» sono soppresse le seguenti: «e della manodopera»;

    2-quater) al comma 22, dopo le parole: «all'appaltatore», le parole: «scomputando dall'intero valore dell'appalto» sono sostituite con le seguenti: «indicando».