Proposta di modifica n. 24.2 al ddl S.1925 in riferimento all'articolo 24.
  • status: Ritirato

testo emendamento del 24/09/20

Apportare le seguenti modifiche:

        1) sostituire il comma 1 con il seguente:

        Â«1. Al fine di assicurare lo svolgimento nel territorio di competenza delle funzioni di tutela, fruizione e di valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico delle Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio, il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, può autorizzare, a decorrere dalla data di pubblicazione dei bandi per l'assunzione di funzionari Area 3, posizione economica F1, dei profili tecnici già autorizzati dall'articolo comma 338, della legge 3o dicembre 2018, n. 145, nonché, nelle more dell'espletamento delle procedure concorsuali, da concludere entro il 31 dicembre 2021, incarichi di collaborazione ai sensi dell'articolo 7, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, per la durata massima di quindici mesi e comunque non oltre il 31 dicembre 2021. L'importo massimo del singolo contributo d'incarico è 40.000 euro, entro il limite di spesa di 4 milioni di euro per l'anno 2020 e di 16 milioni di euro per l'anno 2021. Ai collaboratori possono essere attribuite le funzioni di responsabile unico del procedimento. Resta ferma l'applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 31 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50. Ciascuna Soprintendenza assicura il rispetto degli obblighi di pubblicità e trasparenza nelle diverse fasi della procedura.»;

        2) al comma 3, dopo le parole: «dall'incarico», inserire la seguente: «esclusivamente»;

        3) dopo il comma 4, inserire il seguente:

        Â«4-bis. Al fine di valorizzare le professioni dello spettacolo e della danza, quota parte pari a 30 milioni di euro per l'anno 2020 del Fondo di parte corrente istituito dall'articolo 89 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, è destinata al sostegno del reddito degli insegnanti delle scuole di danza non iscritte come associazione sportiva dilettantistica o società sportive dilettantistiche. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabilite le modalità di ripartizione e assegnazione delle risorse.».