• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/00280 (4-00280)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00280presentato daBIGNAMI Galeazzotesto diMartedì 5 giugno 2018, seduta n. 11

   BIGNAMI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell'interno, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   il fenomeno delle baby gang nel nostro Paese sembra essere in notevole aumento, almeno stando a quanto, pressoché quotidianamente, riportano gli organi di stampa, locali e nazionali. Indistintamente, da Nord a Sud, episodi violenti che vedono protagonisti ragazzi minorenni sembrano verificarsi con frequenza preoccupante;

   tra gli ultimi episodi, in ordine di tempo, quelli verificatisi a Casalecchio di Reno, nel bolognese, dove un ventenne è stato inseguito, picchiato, ferito a suon di calci e pugni, nel parco del quartiere Meridiana, da una banda di giovanissimi. Nello stesso comune, alcuni giorni prima, erano stati identificati e denunciati undici giovani, in gran parte minorenni, presunti responsabili di una serie di aggressioni ai danni di coetanei, avvenute tra dicembre e gennaio;

   episodi simili si sono verificati – per citare solo i più recenti – anche a Ferrara (dove alcuni genitori hanno denunciato l'odissea dei propri figli presi di mira dai bulli), a Firenze (dove uno studente è stato aggredito da quattro diciassettenni che lo hanno malmenato e derubato del cellulare), a Milano (dove una banda di ragazzini ha aggredito alcuni passeggeri a bordo di un treno lungo la tratta Milano-Lecco), a Napoli (dove una quindicenne è stata ferita con un coltello impugnato da un ragazzino di appena 10 anni e già parte di una banda);

   tali fenomeni generano, comprensibilmente, grande allarme sociale tra la popolazione che chiede di veder garantito il diritto a vivere la propria città in sicurezza;

   gli episodi di violenza da parte di baby gang devono indurre ad aprire una riflessione adeguata volta ad indagare, prioritariamente, le reali dimensioni del fenomeno nel nostro Paese. Sono molteplici gli aspetti che vanno presi in esame: occorre, in particolare, agire sul fronte della prevenzione, coinvolgendo tutti i settori della società civile che si occupano di disagio giovanile come la scuola, il mondo dello sport, dei servizi sociali;

   non meno importanti sono l'aspetto della repressione e il percorso di recupero che deve essere messo in atto per i minorenni che si rendono protagonisti di episodi violenti –:

   se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti;

   se si disponga di informazioni e dati, anche solo di tipo statistico, rispetto all'entità del fenomeno delle baby gang nel nostro Paese e in relazione al numero stimato dei soggetti minorenni coinvolti;

   quali iniziative siano state assunte o si intendano assumere sul fronte della prevenzione di tale fenomeno;

   quali iniziative di competenza si intendano assumere in relazione agli specifici aspetti della repressione e della rieducazione;

   con specifico riguardo alle vicende di cui in premessa occorse nel comune di Casalecchio di Reno, di quali informazioni si disponga e quali iniziative di competenza siano state poste in essere per fronteggiare la situazione.
(4-00280)