• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/00362 (4-00362)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00362presentato daCIPRINI Tizianatesto diMartedì 5 giugno 2018, seduta n. 11

   CIPRINI. — Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. — Per sapere – premesso che:

   la regione Umbria e il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale hanno realizzato un progetto di cooperazione internazionale decentrata denominato «Territori Autonomi Palestinesi – Camera Arbitrale Palestinese – PIAC» con sede a Ramallah, così come approvato con delibera n. 107 del 19 luglio 2010 del Ministero e secondo i criteri di cui alla Convenzione tra il Ministero medesimo – direzione generale per la cooperazione e lo sviluppo e la regione Umbria (Rep. 1443 del 14 settembre 2010);

   come risulta dalla delibera della giunta regionale n. 239 del 5 marzo 2012, in data 17 novembre 2011 veniva firmato un accordo tecnico tra regione Umbria e Sviluppumbria per l'attuazione del progetto suddetto che si sarebbe dovuto concludere nel 2016;

   in base all'articolo 3 del citato accordo tecnico, Sviluppumbria provvedeva ad individuare il capo progetto mediante «idonea e specifica selezione da effettuarsi tra le figure in possesso dei requisiti ivi prefissati, da sottoporre all'assenso della DGCS MAE»;

   all'esito di tale procedura è risultato affidatario dell'incarico di capo progetto il signor Moreno Caporalini;

   in data 28 febbraio 2012 la direzione generale per la cooperazione e lo sviluppo – ufficio III del Ministero degli affari esteri comunicava, con una nota (prot. 4013/III/0052762), il nulla osta della direzione generale per la cooperazione allo sviluppo alla nomina di Moreno Caporalini a capo del progetto «Camera Arbitrale palestinese»;

   con deliberazione 3 novembre 2016 n. 1228, la giunta regionale dell'Umbria deliberava di «approvare il progetto di cooperazione allo sviluppo denominato “PIAC.2/e.PIAC – Realizzazione del sistema per la gestione elettronica delle attività di arbitrato (e.PIAC) e di uno sportello multi servizi per l'assistenza tecnica agli operatori del sistema economico locale in Palestina” sviluppo e prosecuzione del progetto PIAC-Camera Arbitrale Internazionale Palestinese», di «presentare il progetto così approvato all'A.I.C.S. (...) ai fini della concessione di un cofinanziamento di euro 450.000,00 corrispondente al 51 per cento del budget complessivo pari a 884.000 euro» e di «impegnarsi, in caso di approvazione del progetto da parte dell'A.I.C.S., a garantire il cofinanziamento regionale previsto in complessivi 100.000 euro in 1 anno» –:

   se risulti ancora in corso il progetto di cui in premessa e, in caso affermativo, quanto e quale personale stia ancora operando in tale contesto.
(4-00362)