• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/00126 GIACOBBE - Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale - Premesso che: il decreto a firma del direttore generale per la promozione del sistema Paese del Ministero...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-00126 presentata da FRANCESCO GIACOBBE
martedì 29 maggio 2018, seduta n.007

GIACOBBE - Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale - Premesso che:

il decreto a firma del direttore generale per la promozione del sistema Paese del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale n. 3615/2501 dell'8 gennaio 2018 stabilisce l'assegnazione a docenti con contratto locale dell'insegnamento di numerose materie come lingua e letteratura inglese, matematica e fisica, scienze, arte, scienze motorie, tecnologia e musica, depauperando il carattere distintivo dell'offerta formativa della scuola italiana, pubblica e statale, come sancito dalla Costituzione;

ciò genera a giudizio dell'interrogante un evidente contrasto con la volontà espressa nel decreto legislativo n. 64 del 2017, che intende invece potenziare e rafforzare la presenza delle istituzioni scolastiche statali all'estero e gli strumenti per la promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo;

il decreto ministeriale prevede un numero limitato di cattedre da affidare a contrattisti locali, in contrasto con il nostro sistema scolastico, determinando una serie di disfunzioni che rischiano di compromettere il regolare svolgimento delle attività didattiche;

esso non rispetta le finalità della scuola italiana e del suo carattere pubblico, togliendo ai nostri istituti scolastici all'estero gli indispensabili standard di qualità e di professionalità della scuola statale;

le scuole italiane statali con sedi a Parigi, Istanbul e Addis Abeba hanno già evidenziato difficoltà applicative circa la possibilità di sostituire il personale di contingente con contrattisti locali, come previsto dal decreto ministeriale;

nella sede dell'istituto italiano statale omnicomprensivo di Asmara si segnala, nel breve termine, la riduzione di circa 15 cattedre di contingente nella scuola secondaria di primo e di secondo grado;

le criticità denunciate dal personale scolastico della scuola statale di Asmara nell'appello rivolto al Presidente della Repubblica sono: l'assenza di personale locale in possesso dei titoli di studio, la mancanza delle abilitazioni necessarie e delle certificazioni linguistiche di livello avanzato di conoscenza della lingua italiana e che di conseguenza, sia per il presente anno scolastico che per il prossimo, non è possibile reclutare presso la sede di Asmara alcun docente locale, tenuto conto che il Governo eritreo richiede, per l'assunzione dei contrattisti di nazionalità eritrea, il possesso del "release" (cioè il congedo dal servizio militare) estremamente difficile da ottenere,

si chiede di sapere quali azioni intenda promuovere il Ministro in indirizzo in relazione alla scuola italiana di Asmara e se applicare una deroga al decreto ministeriale n. 3615/2501, con l'invio di personale docente di ruolo con comandi annuali, così come previsto dall'art. 24 del decreto legislativo n. 64 del 2017 rubricato "Assegnazioni temporanee e invio in missione", al fine di consentire alla scuola di Asmara di avvalersi di docenti in possesso delle professionalità richieste dagli ordinamenti didattici della nostra scuola statale.

(4-00126)