• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/00173 (4-00173)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00173presentato daCENNI Susannatesto diLunedì 7 maggio 2018, seduta n. 8

   CENNI, CECCANTI e CIAMPI. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   il gruppo Piaggio (si legge nel sito istituzionale dell'azienda) è il più grande costruttore europeo di veicoli motorizzati a due ruote e uno dei principali player mondiali in questo settore;

   recentemente i titoli obbligazionari emessi da Piaggio per 250 milioni di euro hanno riscosso il maggior successo in termini di domanda a livello europeo: un risultato che testimonia la solidità del gruppo industriale e la fiducia degli investitori internazionali;

   il presidente del gruppo Piaggio, Roberto Colaninno, ha affermato nei giorni scorsi che «Pontedera è l'azienda centrale del gruppo, è fondamentale, è quella che in qualche modo guida tutte le nostre attività nel mondo»;

   l'indotto di tale azienda in Toscana ed in provincia di Pisa è quindi notevole in termini di occupazione e fondamentale per la tenuta sociale ed economica territoriale;

   da alcuni anni molte aziende dell'indotto Piaggio hanno registrato gravi difficoltà. Secondo quanto emergerebbe da organi di informazione sarebbero oltre 6 mila i posti di lavoro persi dal 2000 ad oggi, mentre attualmente ammonterebbero ad alcune centinaia gli esuberi consolidati;

   sempre secondo i mass media si apprende che la Piaggio avrebbe utilizzato sempre con maggiore frequenza contoterzisti esteri a scapito delle imprese territoriali;

   tra le aziende dell'indotto in crisi vi è anche la Tmm di Pontedera (produttrice storica di marmitte oggi in liquidazione) che conta 85 esuberi dal mese di agosto 2017. Il progetto dei lavoratori è quello di costituire una società cooperativa per poter proseguire l'attività anche se persistono criticità dal punto di vista logistico, della sostenibilità economica dell'impresa e delle commesse;

   il 28 marzo 2018 si è tenuto un incontro tra i rappresentanti della regione Toscana ed il management di Piaggio sul futuro di Tmm. Il presidente della regione Enrico Rossi ha chiesto ai vertici dell'industria di favorire la ripartenza della produzione di marmitte nell'area di Pontedera con l'ingresso di nuovi soci. Il presidente di Piaggio, Roberto Colaninno, ha dato la propria disponibilità ad accettare offerte di qualità per riportare la produzione di questa componente nel comprensorio di Pontedera, ma ha precisato che non ritiene di poter garantire commesse in via preliminare;

   il 19 aprile 2018 Roberto Colaninno ha poi dichiarato: «Spero che si trovi una soluzione per la Tmm. Piaggio farà la sua parte assicurando le commesse che dava prima all'eventuale nuova azienda che ci sarà»;

   appare evidente come la politica industriale di Piaggio, soprattutto in relazione alle commesse da assegnare, incida notevolmente sui livelli occupazionali e sulla crescita economica del territorio, dove sono presenti da decenni varie e diversificate imprese del settore automotive che hanno formato lavoratori di alta e qualificata professionalità –:

   se i Ministri interrogati siano a conoscenza delle gravi problematiche che stanno interessando l'indotto dell'industria Piaggio in provincia di Pisa e quali iniziative urgenti intendano assumere per salvaguardare i livelli occupazionali delle aziende in appalto, ed in particolare dell'impresa Tmm, oggi in liquidazione ed in attesa di rilancio.
(4-00173)