• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/11739 (4-11739)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 23 giugno 2022
nell'allegato B della seduta n. 713
4-11739
presentata da
PAGANO Ubaldo

  Risposta. — Con l'interrogazione viene posta all'attenzione del Ministero dell'interno la situazione dell'ordine pubblico e della sicurezza nella città di Corato, traendo spunto da un conflitto a fuoco ivi verificatosi il 27 ottobre 2021.
  Al riguardo, si assicura che la prefettura di Bari segue costantemente la situazione della sicurezza nella città di Corato, esaminandola periodicamente nelle sedute del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica.
  In particolare, nel corso della riunione dei Comitato tenutasi il 21 ottobre 2021, era stato disposto l'incremento dei servizi straordinari di controllo del territorio svolti dal reparti speciali delle forze di polizia, nella modalità cosiddetta «ad alto impatto».
  Si evidenzia, inoltre, l'impegno assunto dall'amministrazione comunale per incrementare l'organico della polizia locale, consentendo quindi, in collaborazione con le Forze di polizia, la necessaria vigilanza nei luoghi a maggiore rischio, anche nelle ore serali e notturne. Il Comune sta, inoltre, valutando di procedere a un potenziamento del sistema di video-sorveglianza urbana già in uso presso il comando della polizia locale.
  Con riferimento all'attività di prevenzione, la locale questura negli ultimi mesi ha incrementato i servizi straordinari per il controllo del territorio attraverso l'impiego costante di aliquote dei reparto prevenzione crimine «Puglia» in supporto al personale del locale commissariato di pubblica sicurezza. In particolare, nel comune di Corato sono stati effettuati 90 interventi nel corso dell'anno 2021 e 26 nel periodo che va dal 1° gennaio al 20 marzo 2022.
  Circa l'episodio criminale risalente al 27 ottobre 2021 specificatamente segnalato nell'interrogazione, si informa che l'Arma dei carabinieri, a conclusione degli accertamenti info-investigativi, ha raccolto elementi di colpevolezza a carico di un pregiudicato di origine albanese, che il successivo 5 novembre 2021 si è costituito presso la locale stazione dei carabinieri venendo deferito all'autorità giudiziaria in stato di arresto per tentato omicidio e porto abusivo di armi.
  A riprova di come gli sforzi profusi dalle Forze di polizia stiano restituendo risultati anche in termini di riscontro collaborativo da parte delle vittime, si informa che, a seguito di una circostanziata denuncia sporta presso il locale commissariato da un imprenditore edile alla fine di novembre 2021, il successivo 2 dicembre è stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip presso il tribunale di Trani, nei confronti di tre pregiudicati di Corato, ritenuti responsabili di tentata estorsione in concorso.
  Tra l'altro, uno dei tre soggetti tratti in arresto per estorsione è la vittima del citato episodio criminoso del 27 ottobre 2021.
  Si segnala, inoltre, che io scorso 24 novembre, sempre a Corato, una folla di parenti e amici di quattro pregiudicati appena tratti in arresto dai carabinieri per rapina e tentata estorsione, è accorsa nei pressi della stazione dell'Arma dove ha manifestato solidarietà agli arrestati, con cori a loro inneggianti.
  In risposta a quest'episodio e a dimostrazione della volontà di riscatto della società civile coratina, il sindaco ha promosso, per il successivo 27 novembre, una «Fiaccolata per la legalità».
  Il corteo si è svolto regolarmente per le strade della città nel rispetto delle misure di sicurezza imposte dalla pandemia da COVID-19 ed ha visto la partecipazione di numerosi cittadini, nonché delle forze politiche rappresentate in consiglio comunale senza distinzione tra maggioranza e opposizione, dell'Arcivescovo della diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, di alcuni sindaci e assessori in rappresentanza di comuni vicini, dei vertici locali delle Forze di polizia e di numerosi imprenditori e associazioni di categoria, volontariato e culturali.
  Oltre ciò e per quanto riguarda i presìdi delle Forze di polizia nel comune di Corato, si informa che il locale commissariato della Polizia di Stato, recentemente incrementato di 5 unità, dispone di 34 effettivi, la stazione dell'Arma dei carabinieri può contare su 15 unità, mentre la tenenza della Guardia di finanza di Moffetta ha un organico di 36 effettivi. Infine, per quanto concerne l'andamento della delittuosità nell'anno in corso, i dati, sia pure necessariamente parziali, indicano un trend in diminuzione del 14 per cento per la città di Corato e del 6,9 per cento per la provincia di Bari.
Il Sottosegretario di Stato per l'interno: Nicola Molteni.