• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03343-A/020 9/3343-A/20. (Testo modificato nel corso della seduta) Squeri, Porchietto, Giacometto.



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03343-A/020presentato daSQUERI Lucatesto diMartedì 21 giugno 2022, seduta n. 711

   La Camera,

   premesso che:

    l'articolo 4 comma 1 lettera b) prevede l'adeguamento delle strutture e delle aliquote della tassazione indiretta (IVA e accise in particolare), in coerenza con l'European Green Deal, in modo tale da tener conto dell'impatto ambientale dei diversi prodotti, con l'obiettivo di contribuire alla riduzione progressiva delle emissioni di gas climalteranti, alla promozione dell'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili ed ecocompatibili e alla promozione di uno sviluppo sostenibile;

    la filosofia di fondo della norma è che il sistema fiscale deve essere messo al servizio dello sviluppo sostenibile e reso coerente con il processo di decarbonizzazione, superando il più rapidamente possibile la dipendenza del nostro Paese dai combustibili fossili;

    quanto all'IVA la nuova direttiva (UE) 2022/542, di modifica alla previgente direttiva 2006/112/CE prevede l'eliminazione di aliquote ridotte o eccezioni applicate a prodotti con un impatto negativo sull'ambiente, come ad esempio i combustibili fossili, la legna, la torba e altri beni con un impatto analogo sulle emissioni di gas a effetto serra. Tali aliquote cesseranno di applicarsi al più tardi dal 1° gennaio 2030, mentre quelle relative ai pesticidi e fertilizzanti chimici cesseranno di applicarsi entro il 1° gennaio 2032;

    quanto alle accise, la previsione è quella di procedere alla riduzione dei sostegni ambientalmente dannosi secondo gli indirizzi già individuati dal Ministero dell'ambiente e di conseguenza è prevedibile l'aumento delle accise sui carburanti, la riduzione dei benefici fiscali sul gasolio agricolo, su quello per l'autotrasporto e, più in generale, la revisione di tutti i sussidi di tale natura;

    nel Documento conclusivo dell'Indagine conoscitiva sulla riforma dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e altri aspetti del sistema tributario, approvato il 30 giugno 2021 dalla Commissione finanze della Camera nel paragrafo 2.11 «Il fisco per la transizione ecologica si prevede tra gli obiettivi della riforma»:

     b) il potenziamento degli incentivi per interventi di decarbonizzazione e riqualificazione ambientale e la progressiva riduzione dei sussidi dannosi per l'ambiente, evitando aggravi di costi per le imprese e vincolando le risorse risparmiate alla riduzione della pressione fiscale sulle famiglie e sulle imprese;

     d) la rimodulazione del regime di tassazione ambientale – a parità di gettito – in coerenza con le linee guida europee e gli obiettivi stabiliti dal Green Deal UE di progressiva riduzione fino all'azzeramento delle emissioni nette di C02 prevedendo, al fine di evitare effetti regressivi per le persone fisiche e penalizzanti per le imprese, adeguati meccanismi di compensazione e premialità in grado di accompagnare famiglie e imprese nel processo di transizione ecologica,

impegna il Governo

a tener conto dell'opportunità di evitare effetti regressivi per le persone fisiche e penalizzanti per le imprese, al fine di evitare fenomeni di povertà energetica e di desertificazione industriale.
9/3343-A/20. (Testo modificato nel corso della seduta) Squeri, Porchietto, Giacometto.