• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/03370 COLLINA, ROJC Tatjana, ASTORRE, FEDELI Valeria, TARICCO, LAUS, FERRARI, STEFANO, D'ARIENZO, IORI Vanna, VERDUCCI, MANCA, COMINCINI, BOLDRINI Paola, PORTA, GIACOBBE, VALENTE Valeria - Ai...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-03370 presentata da STEFANO COLLINA
martedì 14 giugno 2022, seduta n.439

COLLINA, ROJC Tatjana, ASTORRE, FEDELI Valeria, TARICCO, LAUS, FERRARI, STEFANO, D'ARIENZO, IORI Vanna, VERDUCCI, MANCA, COMINCINI, BOLDRINI Paola, PORTA, GIACOBBE, VALENTE Valeria - Ai Ministri della transizione ecologica e dello sviluppo economico. - Premesso che:

l'articolo 1, comma 60, della legge 4 agosto 2017, n. 124, recante "legge annuale per il mercato e la concorrenza", disciplina il processo di liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica previsto dal decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, recante "Attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica", disponendo inizialmente l'obbligo di passaggio al mercato libero dell'energia elettrica e la cessazione del Servizio di maggior tutela per le microimprese, che occupano meno di 10 persone con un fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro, con potenza contrattualmente impegnata pari o inferiore a 15 kWh, a partire dal 1° luglio 2020;

dopo una proroga temporanea al 1° gennaio 2022 a seguito del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8, il decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2021, n. 21, recante "Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi", ha infine differito tale termine al 1° gennaio 2023;

la delibera ARERA 24 novembre 2020, n. 491/2020/R/EEL, in attuazione delle previsioni di cui al citato articolo 1, comma 60, della legge n. 124 del 2017, al fine di garantire una efficace transizione tra il servizio di maggior tutela e il mercato libero, ha definito il "servizio a tutele graduali", il quale viene assegnato a quegli utenti che non abbiano già scelto una fornitura da mercato libero per l'energia elettrica all'indomani della rimozione della tutela di prezzo, evitando così possibili interruzioni nell'erogazione della fornitura di energia;

la citata delibera ARERA del 24 novembre 2020 ha diviso il suddetto servizio a tutele graduali in due fasi, prevedendo un primo periodo di assegnazione provvisoria di sei mesi durante il quale il servizio viene erogato dall'esercente secondo la maggior tutela precedente, con condizioni economiche analoghe a quelle della maggior tutela e con condizioni contrattuali in linea con quelle oggetto della disciplina delle offerte PLACET e un successivo periodo di assegnazione a regime di quattro anni, durante il quale il servizio viene erogato da esercenti selezionati tramite procedure concorsuali gestite da Acquirente Unico S.p.A. ai sensi dell'Allegato B della delibera ARERA 10 maggio 2022, n. 208/2022/R/EEL;

in attuazione della citata delibera ARERA del 10 maggio 2022, il 30 maggio 2022 Acquirente Unico S.p.A. ha pubblicato il regolamento disciplinante le procedure concorsuali per l'assegnazione del Servizio a tutele graduali per le micro-imprese, disponendo lo svolgimento di tali procedure a partire dal giorno 12 settembre 2022;

considerato che:

le suddette microimprese costituiscono un elemento fondamentale del tessuto economico nazionale, in quanto, secondo dati ISTAT relativi al 2018, rappresentano il 79,5 per cento del totale delle imprese e impiegano il 29,5 per cento degli addetti;

l'aggravarsi del quadro internazionale ha causato un significativo aumento del prezzo dell'energia elettrica, in quanto, a titolo di esempio, secondo dati del Gestore dei mercati elettrici, il Prezzo Unico Nazionale (PUN) medio relativo al Mercato a Pronti - Mercato del Giorno Prima (MPE-MGP) è passato da una media di 125.46 euro/MWh nell'anno 2021 ad una media di 232,93 euro/MWh a giugno 2022;

in conseguenza di ciò, le tariffe determinate dalle suddette procedure concorsuali, in vigore per la durata di quattro anni, saranno verosimilmente molto elevate, comportando così un onere considerevole per le micro-imprese interessate, che per molte risulterà non sostenibile,

si chiede di sapere:

quali misure intendano adottare i Ministri in indirizzo al fine di garantire nei prossimi mesi alle microimprese che occupano meno di 10 persone con un fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro, con potenza contrattualmente impegnata pari o inferiore a 15 kWh, a seguito del loro passaggio dal mercato tutelato e dal servizio a tutele graduali verso il libero mercato, la stipula di contratti per la fornitura di energia elettrica a tariffe non eccessivamente onerose e sostenibili per l'intera durata contrattuale prevista a regime;

se intendano prevedere, alla luce dell'attuale situazione e in attesa del miglioramento del quadro economico ed internazionale, una ulteriore proroga del termine per la cessazione del servizio di maggior tutela o una diminuzione della durata del periodo di assegnazione a regime.

(3-03370)