• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/08161 (5-08161)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-08161presentato daDE TOMA Massimilianotesto diMartedì 24 maggio 2022, seduta n. 700

   DE TOMA, ZUCCONI e CAIATA. — Al Ministro della transizione ecologica. — Per sapere – premesso che:

   il conflitto russo-ucraino e la forte subordinazione europea al gas russo hanno imposto ai Paesi membri dell'Unione europea un sollecito adattamento delle politiche energetiche allo scopo di ridurre la dipendenza dalla Russia;

   la Commissione europea ha recentemente elaborato il piano Repower EU con l'obiettivo di ridurre di due terzi la dipendenza dal gas russo;

   l'Italia è seconda in Europa per consumo di gas naturale, ove circa il 38-40 per cento, pari a 29 miliardi di metri cubi l'anno, proviene dalla Russia;

   il nostro Paese presenta un sistema energetico fortemente basato sulle importazioni: l'86 per cento del gas viene importato via gasdotto, il 14 per cento sotto forma di Gnl che viene immesso nella rete attraverso i terminali di rigassificazione di Panigaglia, Livorno e Rovigo;

   a fronte di consumi di gas relativamente stabili – che negli ultimi vent'anni sono oscillati tra i 70 e gli 86 miliardi di metri cubi l'anno – la produzione nazionale di gas naturale è passata da oltre 20 miliardi di metri cubo negli anni 90 a poco più di 3 miliardi nel 2021;

   per sopperire alle importazioni dalla Russia, il Governo italiano sta intraprendendo una serie di iniziative urgenti volte ad incrementare la sicurezza energetica in materia, in particolare, di gas naturale;

   le iniziative governative protendono verso la massimizzazione delle importazioni attraverso le infrastrutture esistenti. Circa il gas naturale liquefatto, è stata annunciata dal Ministero della transizione ecologica l'intenzione di utilizzare al 100 per cento la capacità degli impianti esistenti;

   recentemente sono state introdotte procedure autorizzative semplificate per l'incremento della capacità di rigassificazione nazionale esclusivamente alle unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione da allacciare alla rete di trasporto esistente;

   l'aumento della capacità di rigassificazione degli impianti esistenti costituisce un'opportunità strategica per la Nazione, al fine di migliorare la sicurezza degli approvvigionamenti e aumentare la diversificazione;

   l'ampliamento della capacità delle strutture esistenti presenterebbe costi competitivi rispetto all'installazione di nuovi rigassificatori con costi operativi negli anni marginali e minori tempi di realizzazione rispetto a nuove infrastrutture –:

   se, per quanto di competenza, il Ministro interrogato ritenga di adottare iniziative perché le procedure autorizzative semplificate trovino applicazione anche per l'eventuale capacità di rigassificazione addizionale che gli impianti di rigassificazione oggi esistenti possono realizzare e se siano stati sviluppati piani per aumentare la capacità estrattiva di gas sul territorio nazionale.
(5-08161)