• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/08139 (5-08139)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-08139presentato daBOLDRINI Lauratesto diGiovedì 19 maggio 2022, seduta n. 697

   BOLDRINI. — Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. — Per sapere – premesso che:

   la Corte di cassazione turca ha confermato la pena a 4 anni, 11 mesi e 20 giorni contro la signora Canan Kaftancioglu, leader nella città di Istanbul del Partito Popolare della Repubblica (Chp), il principale partito di opposizione in Turchia;

   il collegio dei giudici ha inoltre deliberato che l'esponente politica non potrà esercitare il diritto di votare e di essere eletta, finché non avrà scontato la pena inflittale;

   l'accusa nei suoi confronti è quella di «propaganda per conto di organizzazioni terroristiche», «incitazione all'odio», «pubblica offesa alla Repubblica» e «vilipendio al Presidente della Repubblica»; il Partito Popolare della Repubblica è una formazione politica di cultura laica e progressista che ha un vasto consenso nel Paese tanto da esprimere il Sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu eletto a questa carica nel 2019;

   il prossimo anno si terranno in Turchia le elezioni presidenziali e parlamentari alle quali, quindi una figura prestigiosa e popolare come Canan Kaftancioglu non potrà in nessuna forma partecipare;

   la sua condanna, che deriva da un'inchiesta iniziata nel 2019 per alcuni tweet pubblicati nel 2014, è, ad avviso dell'interrogante, un chiaro ulteriore segno sia della volontà del regime instaurato dal Presidente Erdogan di eliminare dalla scena pubblica chi potrebbe compromettere la sua rielezione, sia del pieno assoggettamento della magistratura turca agli interessi del potere politico –:

   quali iniziative di competenza intenda assumere il Governo italiano, nelle sedi bilaterali e negli altri consessi internazionali, perché cessino in Turchia la politica di repressione nei confronti degli oppositori e la sistematica violazione dei principi cardine dello Stato di diritto.
(5-08139)