• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06602 BALBONI, DE CARLO - Al Ministro della giustizia. - Premesso che: risulta agli interroganti che la realtà degli organici dei magistrati e del personale di cancelleria del Tribunale...



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 143
all'Interrogazione 4-06602

Risposta. - Il Tribunale di Venezia presenta una dotazione organica di 204 unità, a fronte delle quali prestano servizio 125,5 risorse umane. La scopertura effettiva è del 37,50 per cento. Le vacanze interessano i seguenti profili professionali: direttore amministrativo (2 vacanze su 9 posti in organico), funzionario giudiziario (34 su 52), funzionario contabile (uno su uno), cancelliere (11 su 31), assistente giudiziario (17 su 67), operatore giudiziario (9,5 su 21), conducente di automezzi (uno su 5) e ausiliario (3 su 16). Deve essere segnalato che risultano già accantonati e resi indisponibili: 29 posti di funzionario giudiziario, di cui 2 per scorrimento di graduatorie e 27 per interpello nazionale; un posto di cancelliere per interpello; 3,5 posti di operatore giudiziario; un posto di assistente giudiziario per conservazione del posto. In relazione al profilo professionale di operatore giudiziario risultano assegnate al tribunale 5 risorse a tempo determinato, per cui ad oggi di fatto si registra una scopertura di 4,5 unità.

Va poi ricordato che questo Dicastero, con riferimento alle sedi che presentano maggiori vuoti in organico (come il Tribunale di Venezia), ha vagliato nell'ipotesi di accordo sull'utilizzo del fondo risorse decentrate per l'anno 2021 la possibilità di destinare una quota del fondo stesso al personale ivi incardinato. In particolare nell'ipotesi di accordo si legge; "con circolare del Capo del Dipartimento, previo confronto con le organizzazioni sindacali, sono individuate le prime cinque sedi che rispondono ai requisiti sopra indicati e le modalità di attribuzione delle corrispondenti risorse, con possibilità di graduazione tra gli Uffici della medesima sede". A ciò si aggiunga la ripresa del concorso Ripam per la copertura di 2.242 posti di funzionario giudiziario, la cui prova orale deve essere ultimata entro la fine del mese di marzo 2022.

Merita poi di essere segnalato che nell'ambito delle attività dirette all'attuazione del piano nazionale di ripresa e resilienza è previsto un progetto straordinario di reclutamento di personale amministrativo con contratto di lavoro a tempo determinato (cristallizzato nel decreto-legge del 9 giugno 2021, n. 80, convertito, con modificazioni, dalla legge del 6 agosto 2021, n. 113, recante "Misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle Pubbliche Amministrazioni funzionale all'attuazione del piano nazionale di ripresa e resilienza e per l'efficienza della giustizia") diretto a migliorare le prestazioni degli uffici giudiziari e ad accompagnare e completare il processo di transizione digitale del sistema giudiziario nello sforzo di abbattimento dell'arretrato e di riduzione della durata dei procedimenti. Per tale obiettivo, al pari degli altri contenuti nel PNRR, la linea di progetto non prevede l'assunzione di personale a tempo indeterminato (in quanto preclusa dalla Commissione europea) bensì investe sul potenziamento dell'ufficio per il processo e sul rafforzamento del capitale umano giovane, attraverso la costituzione di veri e propri team di supporto al magistrato.

In quest'ambito è prevista l'assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato della durata pari a 3 anni di: 1.660 unità di personale amministrativo e tecnico, laureati; 750 unità di personale amministrativo e tecnico, diplomati specializzati; 3.000 unità di personale amministrativo e tecnico, diplomati non specializzati. Del pari è prevista l'assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato di 16.500 addetti all'ufficio per il processo, laureati in scienze giuridiche ed economiche, così ripartiti: sino a 16.100 unità per gli uffici giudicanti di primo e secondo grado in due cicli da 8.050 unità ciascuno (un primo ciclo per una durata massima di 2 anni e 7 mesi, un secondo ciclo per una durata massima di 2 anni); sino a 400 unità per la Corte di cassazione, in due cicli da 200 unità ciascuno (un primo ciclo per una durata massima di 2 anni e 7 mesi, un secondo ciclo per una durata massima di 2 anni).

Con decreto emesso in data 26 luglio 2021 sono state adottate le prime, urgenti, misure organizzative idonee a dare tempestiva attuazione al PNRR e in particolare quelle necessarie per l'assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato del personale amministrativo addetto all'ufficio per il processo al fine di conseguire, nei tempi utili alla realizzazione degli obiettivi fissati, la piena operatività di tale struttura organizzativa. Nella prima fase si è inteso procedere all'individuazione dei posti da attribuire ai singoli distretti di Corte di appello, riservando alla fase successiva la ripartizione dei contingenti tra i singoli uffici giudicanti di primo e secondo grado all'interno dei medesimi distretti. La consistenza numerica complessiva delle risorse assegnate al distretto di Corte di appello di Venezia è stata pari a 388 unità.

Con il successivo decreto emesso in data 28 settembre 2021 sono stati quindi ripartiti tra i tribunali e le corti di appello i contingenti distrettuali del personale amministrativo assunto con contratto di lavoro a tempo determinato addetto all'ufficio per il processo già individuati con il decreto ministeriale 26 luglio 2021. Al Tribunale di Venezia sono state così attribuite 29 unità di addetti all'ufficio per il processo.

In data 6 agosto 2021 è stato pubblicato relativamente all'ufficio per il processo il bando di concorso diretto all'assunzione con contratto di lavoro a tempo determinato del primo contingente di 8.171 unità. La prova scritta si è svolta nei giorni che vanno dal 24 novembre al 1° dicembre 2021 mentre la relativa graduatoria di merito è stata pubblicata in data 14 gennaio 2022. La scelta delle sedi è stata eseguita mediante la piattaforma Formez Step-one nell'arco temporale ricompreso tra il 20 e il 28 gennaio 2022. L'immissione dei vincitori negli uffici giudicanti di merito è avvenuta tra il 21 e il 25 febbraio 2022. Inoltre è in procinto di essere avviata la procedura per l'assunzione di altre 5.410 unità a tempo determinato di personale tecnico (informatico, contabile, edile, gestionale e statistico) e giuridico amministrativo. Nel corso dell'anno 2024 sarà poi assunto un altro contingente di 8.250 addetti all'ufficio per il processo, che in totale saranno 16.500 unità di personale.

Ovviamente, tutto quanto sinora illustrato non preclude la possibilità medio tempore di garantire una migliore funzionalità dei servizi attraverso provvedimenti di natura transitoria, quali ad esempio i comandi da altre pubbliche amministrazioni, le applicazioni temporanee in ambito distrettuale e gli scambi di sedi, tutti strumenti previsti nell'accordo sulla mobilità del personale amministrativo del 15 luglio 2020.

Passando adesso al personale di magistratura, deve essere posto in risalto che il Tribunale di Venezia presenta scoperture soltanto in 15 dei 50 posti di giudice e in 4 dei 29 posti di giudice onorario di tribunale.

Effetti positivi per gli uffici giudiziari in generale, e quindi anche per la sede di Venezia, potranno derivare in seguito alla attuazione delle disposizioni approvate nel mese di dicembre 2019 (art. 1, comma 432, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, legge di bilancio per il 2020) che, modificando la legge 13 febbraio 2001, n. 48, prevedono l'istituzione delle piante organiche flessibili distrettuali, da destinare alla sostituzione di magistrati assenti ovvero all'assegnazione agli uffici giudiziari del distretto che presentino condizioni critiche di rendimento. La proposta di determinazione delle piante organiche flessibili distrettuali è stata tramessa, in data 30 ottobre 2020, al Consiglio superiore della magistratura per il prescritto parere. La proposta prevede, in conformità al quadro normativo di riferimento, la determinazione sia del contingente complessivo nazionale (individuato in 179 unità, di cui 125 con funzioni giudicanti e 54 con funzioni requirenti) sia dei contingenti destinati ai singoli distretti. Il CSM, nel parere deliberato nella seduta dell'8 settembre 2021, ha pressoché integralmente condiviso il progetto ministeriale sia in punto di unità complessive dedicate (179) sia quanto alla loro distribuzione funzionale (tra giudicanti e requirenti) e distrettuale.

In data 27 dicembre 2021 è stato emesso il decreto che individua le condizioni critiche di rendimento degli uffici giudiziari che danno luogo all'assegnazione delle nuove risorse dell'organico flessibile distrettuale e fissa la durata minima dell'assegnazione (pari a un anno), nonché stabilisce i criteri di priorità per destinare i magistrati della pianta organica flessibile distrettuale alla sostituzione nei casi di assenza dal servizio ovvero per l'assegnazione agli uffici giudiziari che versino in condizioni critiche di rendimento. In data 23 marzo 2022 è stato adottato il decreto relativo alla dotazione nazionale delle piante organiche flessibili distrettuali, con il quale sono stati assegnati al distretto di Corte di appello di Venezia 8 magistrati giudicanti e 2 magistrati requirenti.

In merito, infine, alla possibilità di apportare modificazioni in aumento alla dotazione organica del personale amministrativo e del personale di magistratura, al fine di ampliare la pianta organica degli uffici giudiziari di Venezia, si osserva che, essendo la materia oggetto di riserva di legge, ciò è realizzabile solo tramite un'iniziativa legislativa specificamente rivolta alla complessiva razionalizzazione della distribuzione del personale negli uffici giudiziari di primo grado presenti sull'intero territorio nazionale.

CARTABIA MARTA Ministro della giustizia

26/04/2022