• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.3/02899 (3-02899)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Assemblea 3-02899presentato daEHM Yana Chiaratesto presentato Martedì 19 aprile 2022 modificato Mercoledì 20 aprile 2022, seduta n. 679

   EHM, SURIANO. — Al Ministro dello sviluppo economico . — Per sapere – premesso che:

   l'acuirsi della pandemia da COVID-19 e la grave crisi che ne è conseguita hanno accelerato il fenomeno delle delocalizzazioni delle imprese;

   Gkn di Campi Bisenzio – leader dell'automotive – nel luglio 2021, ha avviato il licenziamento di 422 operai, optando – pur con profitti in attivo – per la delocalizzazione dell'azienda nell'est Europa;

   lo stabilimento della Wyeth Lederle S.p.a. di Catania, filiale della multinazionale Pfizer – anch'essa con profitti in attivo – ha annunciato alla fine del 2021 il mancato rinnovo di 210 contratti di lavoro, ha avviato la cessazione di 50 contratti di somministrazione e ha rinviato la decisione per altri 60 dipendenti che resteranno in azienda fin quando non verrà installato un macchinario semiautomatico che richiederà meno personale per la produzione;

   analogamente, Caterpillar di Jesi, a dicembre 2021, ha annunciato il licenziamento di 169 dipendenti a tempo indeterminato e 67 con contratto interinale, poiché, secondo i vertici dell'azienda, spostare la produzione favorirebbe un risparmio del 25 per cento dei costi;

   i caratteri comuni di tale fenomeno consistono in finanziamenti pubblici per il rilancio del sistema produttivo italiano, di cui aziende estere beneficiano, attraverso notevoli vantaggi fiscali;

   esse beneficiano dei finanziamenti statali investendo sul territorio, tuttavia – dopo qualche anno, una volta esauriti i finanziamenti pubblici e al fine di conseguire maggiori profitti – operano licenziamenti a tappeto, con la chiusura contestuale degli stabilimenti sul territorio italiano e spostano la propria attività in altri Paesi, per godere dei relativi benefici economici;

   il Governo, a conoscenza di quanto esposto, nel dicembre 2021, con riferimento al caso della Gkn di Campi Bisenzio, ha depositato presso la Commissione bilancio del Senato della Repubblica un emendamento riguardante le aziende con più di 250 dipendenti, che prevede una tenue mitigazione dei licenziamenti;

   di ben altra portata sono le proposte di legge depositate dal senatore Mantero e dall'interrogante, che prevedono un piano di continuità occupazionale dei lavoratori e della produttività del sito;

   nel 2021 sono stati aperti, presso il Ministero dello sviluppo economico, tavoli di confronto con le aziende in questione, dai quali si è giunti soltanto a soluzioni di compromesso al ribasso per i lavoratori ivi impiegati –:

   se via sia l'intenzione di elaborare un piano che sia in grado di arginare le delocalizzazioni, valutando altresì soluzioni alternative per il prosieguo dell'attività lavorativa degli operai vittime di licenziamenti.
(3-02899)