• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03495-AR/0 ... 9/3495-AR/94. D'Orso, Giuliano, Saitta, Ascari, Scutellà, Zanettin.



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03495-AR/094presentato daD'ORSO Valentinatesto presentato Martedì 12 aprile 2022 modificato Mercoledì 13 aprile 2022, seduta n. 677

   La Camera,

   premesso che:

    l'articolo 33 del provvedimento modifica l'articolo 11 del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80 in tema di misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per l'efficienza della giustizia civile;

    nello specifico, si prevede la sospensione dall'esercizio della professione forense per gli avvocati assunti a tempo determinato nell'Ufficio per il processo, ma non vengono risolte la lacuna normativa e le conseguenti incertezze in ordine al regime previdenziale applicabile agli avvocati vincitori del concorso, i quali paventano un possibile pregiudizio al loro status previdenziale, a causa della cancellazione dell'iscrizione alla Cassa Forense che sarebbe conseguenza automatica (ex lege) della sospensione dall'albo;

    tale nuova causa di sospensione dall'albo, peraltro, potrebbe comportare effetti pregiudizievoli per gli avvocati in relazione al conseguimento di quei titoli che richiedono quale requisito un'anzianità di iscrizione all'albo: per il conseguimento del titolo di avvocato specialista, ad esempio, è richiesto, in base alla nota del CNF del 2 marzo 2022, tra gli altri requisiti, l'aver frequentato negli ultimi cinque anni un corso di specializzazione, oppure, in alternativa, l'aver maturato una comprovata esperienza nel settore di specializzazione che presuppone un'anzianità di iscrizione all'albo degli avvocati – ininterrotta e senza sospensioni – di almeno otto anni. Anche per richiedere l'iscrizione all'Albo dei Cassazionisti è richiesta, com'è noto, una anzianità di iscrizione all'albo degli avvocati; sarebbe, quindi, opportuno introdurre normativamente un sistema che possa tutelare, sotto l'aspetto previdenziale ed assistenziale, gli avvocati vincitori del concorso, stabilendo che, nonostante la sospensione dall'albo introdotta dal suddetto articolo, venga comunque garantita la continuità e la conservazione dello status previdenziale e di tutte le prestazioni, anche assistenziali, ad esso correlate, nonché prevedere che il periodo di sospensione, ex articolo 33, venga comunque computato ai fini del calcolo dell'anzianità di iscrizione e di effettivo e continuativo esercizio della professione,

impegna il Governo:

   a valutare l'opportunità di introdurre un sistema che possa tutelare, sotto l'aspetto previdenziale ed assistenziale, gli avvocati vincitori del concorso, prevedendo che, nonostante la sospensione dall'albo introdotta dall'articolo 33, venga comunque garantita la continuità e la conservazione dello status previdenziale e di tutte le prestazioni, anche assistenziali, ad esso correlate, prevedendo che il versamento dei contributi maturati in relazione al rapporto di lavoro nella pubblica amministrazione avvenga in favore di Cassa Forense ovvero, in alternativa, consentendo, con modalità non onerose per l'avvocato beneficiario, la successiva ricongiunzione dei periodi previdenziali;

   a valutare l'opportunità di prevedere che il periodo di sospensione ex articolo 33 venga comunque computato ai fini del calcolo dell'anzianità di iscrizione e di effettivo e continuativo esercizio della professione.
9/3495-AR/94. D'Orso, Giuliano, Saitta, Ascari, Scutellà, Zanettin.