• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06784 DE POLI - Ai Ministri dello sviluppo economico e delle infrastrutture e della mobilità sostenibili. - Premesso che il settore delle costruzioni è stato investito da un ulteriore,...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-06784 presentata da ANTONIO DE POLI
giovedì 24 marzo 2022, seduta n.418

DE POLI - Ai Ministri dello sviluppo economico e delle infrastrutture e della mobilità sostenibili. - Premesso che

il settore delle costruzioni è stato investito da un ulteriore, repentino ed incontrollabile aumento dei prezzi di diverse materie prime e fonti di energia, aggravato, fra l'altro, dal conflitto russo-ucraino in corso;

i principali centri di trasformazione siderurgici, impianti per la produzione di laterizi, conglomerati bituminosi e cementizi, isolanti, materie plastiche, prodotti ceramici ed in generale di tutti i materiali utilizzabili in edilizia hanno sospeso o stanno decidendo di sospendere l'attività;

tale situazione contingente costringe gli operatori a cercare immediate soluzioni a fronte della difficoltà a gestire i cantieri in corso e garantire il regolare svolgimento delle commesse;

i cantieri in tutta Italia, da Nord a Sud, rischiano di chiudere: solo a Padova, secondo quanto ha dichiarato il presidente locale dell'ANCE, sono 3.600 i cantieri a rischio;

la norma che consentirebbe alle imprese la possibilità di prorogare o sospendere i lavori per i rincari insostenibili delle materie prime è stata, inspiegabilmente, eliminata dall'ultimo decreto energia,

si chiede di sapere se i Ministri in indirizzo non reputino necessario supportare le imprese in questo momento di grave difficoltà introducendo una normativa che renda possibile la sospensione dei lavori da parte dell'impresa qualora si trovi nell'impossibilità di reperire le materie prime necessarie alla realizzazione delle lavorazioni oggetto dell'affidamento.

(4-06784)