• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/11646 (4-11646)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-11646presentato daRIPANI Elisabettatesto diMartedì 22 marzo 2022, seduta n. 662

   RIPANI. — Al Ministro della difesa, al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, al Ministro per gli affari regionali e le autonomie, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali . — Per sapere – premesso che:

   con il decreto legislativo n. 177 del 2016 recante «Disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo Forestale dello Stato», emanato in attuazione della cosiddetta «Riforma Madia», è stato soppresso il Corpo forestale dello Stato e circa l'80 per cento del suo personale è stato trasferito all'Arma dei Carabinieri;

   l'Arma dei Carabinieri è subentrata a tutti i contratti attivi e passivi in essere, ivi compresi quelli del personale del Comando per la tutela della biodiversità e dei parchi, che coordina i tre neo istituiti raggruppamenti biodiversità, parchi e Cites;

   gli operai degli Utcb (Uffici territoriali carabinieri per la biodiversità) sono circa 250 in Toscana, dislocati tra Follonica (GR), Lucca (LU), Cecina (LI), Pieve Santo Stefano (AR), Pratovecchio (AR), Pistoia (PT), Siena (SI), località Villombrosa – Reggello (FI), e circa 1.300 a livello nazionale. Per un decennio sono rimasti in attesa di un necessario rinnovo contrattuale che garantisse loro un giusto riconoscimento lavorativo ed economico;

   il 9 dicembre 2021 presso la sede della Conferenza delle regioni e delle province autonome, Agci-Agrital, amministrazioni pubbliche, Confcooperative-Fedagripesca, Confcooperative lavoro e servizi, Federazione Italiana Comunità forestali – Federereste, Legacoop agroalimentare e Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Ui, hanno firmato l'accordo per il rinnovo del Ccnl per gli addetti ai lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria applicato anche agli operai a tempo determinato e indeterminato in servizio presso i Reparti carabinieri biodiversità;

   il nuovo contratto, unico nel suo genere poiché sottoscritto sia da aziende private e cooperative che da amministrazioni pubbliche, è arrivato dopo oltre due anni di trattativa sindacale; ha una durata quadriennale con scadenza prevista al 31 dicembre 2024. Sul piano economico il rinnovo prevede, tra l'altro, anche un aumento di 100 euro sia per impiegati che operai al II livello, da riparametrare per gli altri livelli contrattuali. L'aumento verrà erogato in due tranches di 50 euro ciascuna, la prima con decorrenza 1° dicembre 2021 e la seconda a partire dal 1° marzo 2023. Tale impegno a quanto risulta all'interrogante sembrerebbe non essere stato ancora onorato per gli operai Utcb –:

   se il Governo sia a conoscenza della situazione descritta e quali iniziative intenda adottare per garantire l'applicazione del rinnovo del contratto agli operai in servizio presso gli uffici territoriali Carabinieri per la biodiversità.
(4-11646)