• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06380 GRANATO, CRUCIOLI, ANGRISANI, GIANNUZZI, MININNO, ABATE, LA MURA, ORTIS, DI MICCO, LEZZI - Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. - Premesso che: da circa 6...



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 135
all'Interrogazione 4-06380

Risposta. - Il Ministero segue sin dalla prima segnalazione, nel novembre 2015, la vicenda del minore AGB nato dal matrimonio del signor GPB con la cittadina kazaka AA.

Nell'ottobre 2015, la signora AA è rientrata in Kazakhstan portando con sé il figlio senza il consenso paterno. Il signor GPB ha dunque avviato una serie di azioni civili e penali in Italia ed in Kazakhstan, non potendo attivarsi al tempo la convenzione de L'Aja del 25 ottobre 1980 sulla sottrazione internazionale di minori, poiché non ancora in vigore nei rapporti bilaterali con l'Italia. In Kazakhstan, tuttavia, egli ha dovuto fare fronte al principio, adottato dall'ordinamento locale, secondo il quale il bambino viene considerato solo cittadino kazako. Tale fattispecie ha limitato in gran parte nel corso di questi anni anche il margine di azione e di intervento della Farnesina e dell'ambasciata a Nur Sultan. Il locale Tribunale di Taraz, con decisioni assunte nel giugno e settembre 2018, ha affidato il bambino alla madre e ha stabilito che il padre potesse vederlo, fino al settimo anno di età, solamente a Taraz, oltre a confermare la possibilità di contatti videotelefonici.

Non risulta che il connazionale abbia intrapreso le necessarie azioni legali per l'ampliamento del proprio diritto di visita al minore, che ha ormai compiuto gli 8 anni. I contatti padre-figlio risultano, invece, essersi svolti in linea con quanto stabilito dalla sentenza kazaka del giugno 2018, tranne che nell'ultimo periodo, a causa della pandemia. Proseguono inoltre i contatti videotelefonici.

Numerosi sono stati nel corso degli anni gli interventi della Farnesina, direttamente e tramite l'ambasciata a Nur Sultan. Nel giugno e settembre 2017 lo stesso sottosegretario Della Vedova ha sensibilizzato il suo omologo Vassilenko. Tale azione ha permesso all'ambasciata di effettuare una visita consolare al minore il 28 settembre 2018. Nel febbraio 2018 l'ambasciatore italiano era intervenuto sulla direttrice dell'ombudsman per i diritti dei minori, rappresentando il caso al Ministro degli esteri Abdrakhmanov, al Ministro dell'interno, al procuratore generale e al vice Ministro degli esteri. Anche il Ministro degli affari esteri italiano nell'agosto 2018 ha svolto un'azione di sensibilizzazione sulla vicenda nei confronti del suo omologo kazako.

Personale dell'ambasciata a Nur Sultan ha presenziato a molte udienze in qualità di uditore e ha assistito anche logisticamente il signor GPB e i suoi legali in occasione dei viaggi in Kazakhstan. Sulla base delle segnalazioni pervenute nel tempo da parte del padre del minore e dei suoi familiari, l'ambasciata ha inoltre effettuato visite consolari, l'ultima il 20 agosto 2021, al fine di accertare le condizioni di salute del bambino. Il nuovo ambasciatore d'Italia a Nur Sultan ha preso diretto contatto, a settembre, con il signor GPB per ribadire che l'ambasciata segue il caso con la massima attenzione e assicurare il sostegno in occasione delle prossime visite al bambino.

Da ultimo, il 4 febbraio il sottosegretario ha ricevuto alla Farnesina il signor GPB, al quale, oltre a mostrare la vicinanza del Ministero per la sua vicenda, ha confermato la disponibilità della Farnesina e dell'ambasciata a continuare ad assicurare tutta l'assistenza consolare necessaria. Tuttavia, come più volte rappresentato dalla Farnesina e dall'ambasciata anche di recente, è necessario che il connazionale valuti un'azione per la modifica del diritto di visita, direttamente o anche tramite l'autorità centrale istituita presso il Ministero della giustizia ai sensi della citata convenzione de L'Aja.

La Farnesina e l'ambasciata a Nur Sultan continueranno senz'altro a seguire la vicenda nell'ambito delle proprie competenze.

DELLA VEDOVA BENEDETTO Sottosegretario di Stato per gli affari esteri e la cooperazione internazionale

21/02/2022