• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06602 BALBONI, DE CARLO - Al Ministro della giustizia. - Premesso che: risulta agli interroganti che la realtà degli organici dei magistrati e del personale di cancelleria del Tribunale...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-06602 presentata da ALBERTO BALBONI
mercoledì 16 febbraio 2022, seduta n.404

BALBONI, DE CARLO - Al Ministro della giustizia. - Premesso che:

risulta agli interroganti che la realtà degli organici dei magistrati e del personale di cancelleria del Tribunale distrettuale di Venezia abbia raggiunto di recente un livello di carenza tale da rendere la situazione insostenibile, mettendo a repentaglio ogni operatività;

invero, la pubblicazione dei posti vacanti, disposta dalla terza commissione del CSM, ha purtroppo registrato un bilancio totalmente negativo, posto che a fronte di una o forse due coperture dei cinque posti pubblicati, sono cinque i trasferimenti certi ad altra sede;

in data 7 gennaio 2022 altri cinque giudici del Tribunale di Venezia, già assegnati alla sezione GIP/GUP e alla sezione distrettuale per il riesame, hanno lasciato il Tribunale di Venezia per assumere funzioni di consigliere presso la Corte d'appello di Venezia;

nel contempo, la prima sezione penale registrava due nuove scoperture: in data 8 novembre 2021 un giudice ha preso servizio presso il Tribunale per i minorenni di Venezia ed in data 1° gennaio 2022 un altro giudice è stato collocato in quiescenza anticipata;

a queste sette recenti scoperture si aggiungono due vacanze nelle sezioni dibattimentali, due vacanze nella sezione GIP/GUP, e una vacanza nel settore civile (per complessive 12 vacanze) in una pianta organica già di per sé inadeguata a garantire una risposta giurisdizionale alle esigenze di una delle economie più avanzate penisola;

le vacanze, per effetto dei prossimi trasferimenti da deliberare, saliranno addirittura a 17 per poi attestarsi, alla fine, su 15 o 16 unità per effetto di una o due possibili nuove entrate;

il Tribunale si trova sguarnito del 30 per cento dei propri giudici, se non addirittura in misura superiore qualora sia accolta la richiesta di revoca straordinaria. Questo grave quadro risulta amplificato dalla presenza di taluni magistrati in condizioni di salute tali da non consentire l'esercizio a pieno delle funzioni giurisdizionali e dal fatto che, allo stato, tre magistrate sono in astensione per maternità, preannunciando anche un periodo di astensione facoltativa, mentre un'altra giudice ha già comunicato il suo stato di maternità;

il quadro delle scoperture, considerate queste particolari situazioni soggettive, si attesta a un totale variabile tra 20 e 21 magistrati che saranno, di ruolo o di fatto, assenti prossimamente;

numeri che equivalgono, addirittura, a una scopertura complessiva di quasi il 40 per cento dei giudici;

addirittura più drammatica è la scopertura del personale amministrativo che da tempo supera il 40 per cento, con punte di oltre il 70 per cento per il fondamentale ruolo dei funzionari giudiziari: scoperture destinate a essere ancora più gravi in ragione di prossimi, imminenti pensionamenti;

si tratta del Tribunale distrettuale più importante del Nordest, con una sezione specializzata in materia di impresa, terza in Italia, una sezione specializzata in materia di immigrazione e protezione internazionale con pendenze inferiori solo a Roma, Milano, Napoli e Bologna, una competenza in materia di criminalità organizzata, di reati in materia di terrorismo, di reati informatici, di reati in materia di pedopornografia: a fronte della attività di 26 magistrati del pubblico ministero, la sezione GIP/GUP è ridotta a soli tre giudici,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo conosca e stia monitorando la realtà veneziana illustrata;

quali iniziative intenda intraprendere, nell'ambito delle proprie competenze, per individuare misure efficaci per intervenire e porre rimedio alla situazione emergenziale che si è generata presso gli uffici giudiziari veneziani;

se si intenda dare impulso allo scorrimento delle graduatorie ancora aperte per il personale giudiziario e amministrativo;

se, fra le iniziative da assumere, vi possano essere il riconoscimento di sede disagiata, con applicazioni extra distretto, e la valorizzazione della sede giudiziaria con incentivi al trasferimento del personale sia di magistratura che di cancelleria.

(4-06602)