• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06125 VITALI - Al Ministro dell'istruzione. - Premesso che: presso gli uffici periferici del Ministero dell'istruzione sono in corso gli adempimenti di assegnazione delle cattedre dalle...



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 133
all'Interrogazione 4-06125

Risposta. - L'interrogazione permette di precisare che la "Unimorfe international university" è stata oggetto di numerose richieste di informazioni sia da parte di ambiti territoriali e di istituzioni scolastiche sia da parte di studi legali, volte a verificare la veridicità dei titoli e delle relative certificazioni rilasciati. Da accertamenti effettuati dal Ministero, è emerso che il nominato "polo interuniversitario Unimorfe" non risulta né un ente riconosciuto ed accreditato nel territorio italiano né, tantomeno, abilitato a rilasciare titoli aventi valore legale nel territorio dello Stato di Cipro. A ciò si aggiunga che, da un esame analitico del sito web Enic Naric Cipro curato dallo Stato di Cipro in via ufficiale, non risulta alcuna istituzione privata di formazione superiore accreditata o riconosciuta dal Ministero competente che riporti tale denominazione.

I titoli di cui si chiede il riconoscimento sarebbero stati rilasciati sulla base di un accordo tra la Unimorfe con la nominata "Evergood advisors campus university" di Cipro, rispetto alla quale l'ambasciata della Repubblica di Cipro in Italia ha fatto pervenire allo Stato italiano una circostanziata nota verbale, dalla quale emerge con estrema chiarezza che "due entità operanti in Italia, nello specifico la 'CS Uniforma polo interuniversitario' e la 'Unimorfe international university', promuovono il rilascio di 'diplomi universitari' in collaborazione con una cosiddetta 'Evergood advisors campus university' (...) società che non esiste (...) esiste una società registrata denominata "Evergood advisors Ltd" .(...) tuttavia tale società non è autorizzata a condurre nessun tipo di attività nel settore dell'istruzione superiore".

È altresì importante rilevare che il presunto titolo rilasciato dai due enti indicati risulta corredato di certificazione su carta intestata di "Sapienza", università di Roma. Tuttavia, l'università degli studi Sapienza" di Roma ne ha disconosciuto l'autenticità, sporgendo conseguentemente apposita formale denuncia.

Per quanto, invece, attiene all'accordo bilaterale, intercorso tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica di Cipro, sul reciproco riconoscimento dei titoli attestanti studi universitari o di livello universitario rilasciati in Italia e a Cipro, si fa presente che in relazione alla questione l'accordo è del tutto inconferente in ragione del fatto che è stipulato "allo scopo di favorire l'accesso ed il prosieguo degli studi nelle istituzioni dei due Paesi".

Da quanto fin qui evidenziato appare evidente che non solo la richiesta di "riconoscimento" avanzata non possa essere accolta, ma il Ministero dell'università e della ricerca ritiene che non siano comprovabili titoli di formazione superiore di alcun tipo e che ci si trovi di fronte ad un caso di circolazione di documenti di provenienza sconosciuta, in ordine ai quali risulta insussistente il necessario valore legale. Pertanto, le istanze pervenute al Ministero sono improcedibili, assenti le condizioni minime, sia formali (firme qualificate assenti sui presunti titoli, copie conformi agli originali assenti) che sostanziali (assenza di istituzione legittimata a Cipro ad erogare titoli ufficiali) per avviare e portare a conclusione i relativi procedimenti.

In ultimo, si rappresenta che il Ministero dell'università e della ricerca ha invitato gli ambiti territoriali ad inoltrare i nominativi dei soggetti che abbiano dichiarato di possedere il titolo in questione e siano inseriti in graduatoria o siano titolari di incarichi di insegnamento, nonché la relativa richiesta presentata dagli stessi soggetti completa di documentazione. In seguito a quanto verrà sottoposto a quel Ministero, lo stesso procederà all'esame e dell'esito darà informazione al richiedente ed all'ufficio scolastico regionale interessato, posto che il TAR Lazio, con recente sentenza, ha radicato la competenza esclusivamente in capo al Ministero dell'università e della ricerca sul titolo di specializzazione nel sostegno ottenuto all'estero. Di tale pronuncia ed agli effetti conseguenti, il Ministero dell'università darà informativa dettagliata a tutti gli uffici scolastici regionali.

BIANCHI PATRIZIO Ministro dell'istruzione

10/02/2022