• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02483/001/ ... in sede di esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152, recante disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2483/1/05 presentato da ALAN FERRARI
mercoledì 22 dicembre 2021, seduta n. 499

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152, recante disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose;
premesso che,
la valutazione dell'impatto dei provvedimenti adottati nell'ambito del PNRR è al centro della governance dell'intero programma Next Generation EU ai sensi della normativa europea e nazionale in materia;
l'articolo 24 del regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021 che istituisce il dispositivo per la ripresa e la resilienza prevede che la Commissione europea, se effettua una valutazione positiva del conseguimento soddisfacente dei pertinenti traguardi e obiettivi, adotta, senza indebito ritardo, una decisione che autorizza l'erogazione del contributo finanziario e, ove applicabile, del prestito in conformità del regolamento finanziario;
l'articolo 2, comma 2, lettera e) del decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108 (Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure), prevede che la Cabina di Regia trasmette alle Camere, con cadenza semestrale, una relazione sullo stato di attuazione del PNRR recante anche ogni elemento utile a valutare l'impatto degli interventi e la loro efficacia rispetto agli obiettivi perseguiti;
considerato che,
l'effettivo conseguimento degli obiettivi, anche a lungo termine, stabiliti a livello europeo, nell'ambito della Strategia annuale per la crescita sostenibile della Commissione europea di cui alle comunicazioni COIVE2019/650 final e COM/2020/575 final e delle raccomandazioni specifiche per l'Italia adottate nell'ambito del semestre europeo, rappresenta una condizione necessaria per sancire il successo dell'intero programma Next Generation EU;
gli strumenti di valutazione d'impatto delle politiche pubbliche rendono possibile un'allocazione migliore delle risorse, un controllo maggiore sulla qualità delle iniziative adottate, nonché un più profondo coinvolgimento delle parti sociali, dei portatori d'interesse e della cittadinanza nei processi decisionali;
il rafforzamento dei suddetti strumenti nell'ambito della governance del PNRR consentirebbe non solo il rafforzamento delle istituzioni preposte a tale scopo e l'accumulazione di esperienza utile anche in altri ambiti, ma anche, più in generale, una maggiore diffusione della cultura della valutazione delle politiche nell'intero paese, che rappresenta, secondo quanto riportato dalla letteratura specialistica, un fattore cruciale per la qualità delle decisioni pubbliche,
impegna il Governo:
a rafforzare ulteriormente, sulla base di un confronto continuo con il Parlamento, gli strumenti preposti alla valutazione d'impatto degli investimenti e delle riforme del PNRR, prevedendo in particolare un adeguato coinvolgimento della più ampia comunità nazionale di rappresentanze sociali ed economiche, sulla base delle migliori pratiche di valutazione delle politiche pubbliche, al fine di verificare l'effettivo conseguimento degli obiettivi del Piano, a partire da quelli in materia di riduzione dei divari generazionali, di genere e territoriali e di garantire il più ampio coinvolgimento delle istituzioni territoriali e della società nella sua attuazione.
(0/2483/1/5)
Ferrari, Fedeli, Stefano, Manca, Misiani