• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/07253 (5-07253)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-07253presentato daMARTINCIGLIO Vitatesto diMartedì 14 dicembre 2021, seduta n. 614

   MARTINCIGLIO, CANCELLERI, SCERRA, PERCONTI e D'ORSO. — Al Ministro dell'interno. — Per sapere – premesso che:

   da oltre quattro anni la caserma dei vigili del fuoco di Pantelleria risulta dismessa per ristrutturazioni straordinarie appaltate ad una ditta che poco dopo l'aggiudicazione è fallita lasciando incompiuta l'opera;

   nel 2019 era stata proposta l'ex caserma Barone per la nuova sede per la quale risulterebbero già stanziati e disponibili i fondi necessari per la costruzione ma non anche quelli per la demolizione della precedente struttura;

   nelle more, per porre rimedio alle condizioni di scarsa vivibilità dei vigili del fuoco si era disposta l'installazione all'interno dell'area aeroportuale dell'isola di una sede provvisoria composta da sei moduli mobili (costati 25 mila euro cadauno), di cui quattro ad uso abitativo e due ad uso uffici e vettovagliamento, per i quali parrebbero mancare le necessarie autorizzazioni oltre alle certificazioni a norma e di idoneità;

   ad oggi, nonostante molteplici sollecitazioni e richieste sia da parte dell'amministrazione locale che dei lavoratori per la ripresa dei lavori, quella che doveva essere la nuova caserma appare un cantiere completamente abbandonato e fatiscente;

   a tutela dei diritti dei vigili del fuoco il sindacato Uilpa di Trapani nel mese di novembre 2021 ha proclamato lo stato di agitazione nella speranza di sollecitare azioni immediate (soprattutto in questo periodo in cui le restrizioni per la prevenzione del COVID-19 rendono difficile rispettare nelle sedi in uso norme igienico-sanitarie imposte dalla legge sulla sicurezza nei luoghi di lavoro) che consentano, nel breve periodo, di dotare il Corpo di una sede adeguata e definitiva;

   quanto descritto impone un sollecito intervento che ponga fine a questo disservizio che grava sia sui vigili del fuoco dell'isola, letteralmente accampati in una struttura non idonea e in condizioni igienico-sanitarie improponibili, che sulla comunità pantesca, privata della piena operatività di un Corpo essenziale per il soccorso pubblico, soprattutto nei giorni in cui le difficoltà per i pendolari di recarsi sull'isola, obbligano ad inaccettabili turni di oltre 48 ore consecutive a quelli in servizio, con relativo ulteriore aggravio per le casse dello Stato costretto a pagarne lo straordinario –:

   quali iniziative il Ministro interrogato intenda assumere per risolvere concretamente la situazione descritta in premessa e per rimediare a quello che agli interroganti appare uno spreco di denaro pubblico;

   quale tempistica ipotizzi per l'individuazione e la consegna al Corpo dei vigili del fuoco in servizio a Pantelleria di una sede definitiva, sicura e dignitosa che possa accogliere un numero adeguato di lavoratori, anche al fine di limitare al massimo il pendolarismo.
(5-07253)