• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02394/013/ ... in sede di esame del disegno di legge di "Conversione in legge del decreto-legge 21 settembre 2021, n. 127, recante misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2394/13/01 presentato da IUNIO VALERIO ROMANO
martedì 9 novembre 2021, seduta n. 293

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge di "Conversione in legge del decreto-legge 21 settembre 2021, n. 127, recante misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l'estensione dell'ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening " (A.S. 2394);
premesso che:
gli articoli 1 e 3 del provvedimento in esame inseriscono, rispettivamente, un articolo 9-quinquies ed un articolo 9-septies nel decreto legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87, disponendo, per il periodo 15 ottobre 2021-31 dicembre 2021, l'obbligo di possesso - e di esibizione su richiesta - di un certificato verde COVID-19 (in corso di validità) ai fini dell'accesso ai luoghi di lavoro - in cui si svolga l'attività del medesimo soggetto - sia nel settore lavorativo pubblico sia nel settore lavorativo privato;
l'articolo 1 concerne i dipendenti pubblici e gli altri soggetti che svolgano, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato presso le amministrazioni pubbliche, anche sulla base di contratti esterni, mentre l'articolo 3 concerne i lavoratori (ivi compresi i suddetti soggetti in formazione o volontari) operanti nel settore privato;
sia nel settore lavorativo pubblico sia in quello privato viene prevista l'esenzione dalla condizione suddetta (ai fini dell'accesso ai luoghi di lavoro) del possesso del certificato verde COVID-19 per i soggetti per i quali un'idonea certificazione medica attesti una controindicazione relativa alla vaccinazione contro il COVID-19;
considerato che:
la normativa, sulla base dei criteri di generalità e astrattezza, prevede l'obbligo di possesso ed esibizione della certificazione verde ai fini dell'accesso ai luoghi di lavoro in generale, non prevedendo alcuna deroga a tale obbligo sulla base delle specifiche caratteristiche che contraddistinguono l'esecuzione della prestazione lavorativa;
ci sono, in concreto, degli ambiti lavorativi in cui la prestazione è svolta esclusivamente in ambienti all'aperto, nei quali, ad oggi, non sussiste neanche l'obbligo di indossare un dispositivo di protezione individuale; pertanto, appare sproporzionato l'obbligo di esibizione e possesso del green pass quando, al fine della minimizzazione del rischio di contagio, non si ritiene neanche necessario indossare la mascherina;
inoltre, in alcuni casi la prestazione lavorativa è svolta in modo individuale, senza che la stessa presupponga o necessiti di contatti con altri lavoratori; pertanto, anche in questi casi, l'obbligo del possesso ed esibizione del green pass appare irragionevole rispetto alle finalità sottese alla sua introduzione;
impegna il Governo:
ad effettuare una ricognizione, entro il 31 dicembre 2021, delle categorie lavorative le cui prestazioni siano svolte esclusivamente all'aperto o in forma individuale e per le quali, sulla base delle loro specifiche caratteristiche, è possibile esentare il lavoratore dal possesso ed esibizione del certificato verde Covid 19 ai fini dell'accesso al luogo di lavoro.
(0/2394/13/1)
Romano, Matrisciano, Pesco, Catalfo, Guidolin, Romagnoli, Mantovani, Ricciardi, Dell'Olio, Castellone, Lomuti, Pirro, Vanin, Trentacoste, Perilli, Maiorino