• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/10612 (4-10612)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-10612presentato daLEGNAIOLI Donatellatesto presentato Giovedì 4 novembre 2021 modificato Venerdì 5 novembre 2021, seduta n. 589

   LEGNAIOLI, POTENTI, CARRARA, PICCHI, LOLINI, BILLI, CLAUDIO BORGHI, CAPARVI. — Al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

   come riportato dalla stampa (si veda la Repubblica, 25 ottobre 2021), secondo un'analisi operata da Bankitalia e rielaborata dal sindacato Uilca, dal 2016 al 2020 gli Atm sono diminuiti del 6,9 per cento (da 36.754 a 34.204 unità) e si riducono ancora di più le filiali, scese del 19,1 per cento (da 29.039 a 23.480); nel medesimo arco temporale, inoltre, i comuni italiani che non hanno più nemmeno uno sportello bancomat raggiungono le 2.800 unità con un calo del 9,2 per cento rispetto alla fine del 2015;

   nell'anno della pandemia si registra, poi, una riduzione del numero di sportelli automatici collocati sia all'interno degli sportelli (da 34.686 a 34.204) sia al di fuori (da 6.672 a 6.258): Bancomat spa comunica, di conseguenza, che nel 2020 i prelievi sono calati del 22 per cento annuo (in totale 510 milioni di operazioni), per un totale di poco inferiore a 80 miliardi e con prelievi medi di 154 euro;

   si evidenzia che in uno studio condotto dalla Bce il contante utilizzato solo nel 2019 raggiungeva una percentuale pari al 73 per cento delle operazioni al dettaglio nell'area dell'Euro;

   occorre, per di più, tener conto che la crisi pandemica da COVID-19 ha accelerato il processo di ridimensionamento degli Atm: in questa fase, l'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato un'istruttoria nei confronti di Bancomat S.p.A., che intende introdurre commissioni più gravose per i consumatori nei prelievi di circolarità –:

   se intenda adottare iniziative normative al fine di evitare i sopradescritti ostacoli per i cittadini nell'accesso al prelievo, considerata l'essenzialità del servizio medesimo.
(4-10612)