• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03278-AR/0 ... 9/3278-AR/2. Longo.



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03278-AR/002presentato daLONGO Faustotesto diGiovedì 28 ottobre 2021, seduta n. 584

   La Camera,

   premesso che:

    in sede di conversione del decreto-legge 10 settembre 2021, n. 121, recante disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale, per la funzionalità del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, del Consiglio superiore dei lavori pubblici e dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle infrastrutture stradali e autostradali, sono emerse le diverse problematiche ambientali, sanitarie e infrastrutturali connesse al traffico automobilistico all'interno delle aree metropolitane;

    l'articolo 8 nel riproporre nuovi incentivi all'acquisto di veicoli meno inquinanti e per i veicoli di categoria M1, M1 speciali, N1 e L, prova a dare una spinta verso la riconversione ecologica del parco veicolare privato;

    gli incentivi statali sulle auto elettriche e plug-in per l'acquisto di veicoli meno inquinanti con emissioni compresi nella fascia 0-60 grammi di CO2, previste per l'Extrabonus ammontano ad oltre 57,5 milioni di euro;

    altri 62 miliardi di euro sono previsti per gli interventi sulle infrastrutture e sulla mobilità sostenibile contenuti nel Pnrr, una cifra che fa emergere il ruolo centrale del Mims nell'attuazione di progetti determinanti per il rilancio del Paese, basato sulla sostenibilità economica, sociale e ambientale;

    all'articolo 13 sono previste misure specifiche di agevolazioni per i comuni che avviano interventi specifici in materia di mobilità sostenibile;

    all'articolo 16 sono inserite disposizioni urgenti in materia di Commissari straordinari al fine di garantire, in via d'urgenza, il ripristino di infrastrutture come il viadotto Polcevera, il Porto di Genova e la ricostruzione delle infrastrutture nei comuni dell'Area etnea e della regione Molise. Le disposizioni sono finalizzate a rendere omogenee le procedure tra le diverse gestioni commissariali;

    i progetti si finanziano per 41 miliardi con le risorse europee del programma Next Generation EU (40,7 miliardi) e con quelle del Read Eu (313 milioni), cui si aggiungono risorse nazionali per 21 miliardi di euro, (10,6 miliardi dal Fondo complementare e 10,3 miliardi dallo scostamento di bilancio), tra i progetti da finanziare figura la transizione ecologica della mobilità locale e le infrastrutture pertinenziali;

    accanto agli investimenti, sono previste importanti riforme di carattere ordinamentale, necessarie per accelerare la realizzazione delle opere del Pnrr e altri interventi strutturali per migliorare la mobilità urbana;

    si tratta di un piano di proporzioni storiche per il nostro Paese, ma anche fortemente innovativo dal punto di vista qualitativo, che mette il benessere delle persone, e il rispetto dell'ambiente al centro di un nuovo modo di concepire le infrastrutture e i sistemi di mobilità, ha dichiarato il Ministro Giovanni, esprimendo la propria soddisfazione per l'approvazione del Pnrr, il Mims si trova al centro di questo programma di riforma: è stato istituito all'interno del Dicastero un Comitato Pnrr incaricato di seguire ogni fase di realizzazione dei progetti e di valutarne gli effetti in termini occupazionali e di impatto sull'ambiente;

    per limitare gli effetti negativi della circolazione delle autovetture private nelle aree urbane la legge n. 122 del 1989 aveva previsto, per le amministrazioni locali, la possibilità di dotarsi di un Piano Parcheggi, riguardante interventi di iniziativa pubblica e privata;

    a distanza di 32 anni dall'approvazione della cosiddetta legge «Tognoli», solo il 40/45 per cento delle opere progettate, deliberate e convenzionate sono state completate ciò con gravi ripercussioni sulla mobilità e sulla sosta nelle aree urbane, problematiche ultimamente rese ancor più evidenti poiché, a causa della pandemia da COVID-19, agli esercenti di somministrazione di cibo e bevande è stato concesso, a titolo gratuito, di occupare spazi prima destinati alla sosta delle autovetture: si calcola negli ultimi mesi siano stati collocati su sedime stradale oltre 100 dehors e si siano persi almeno 500 mila posti macchina;

    inoltre, le nuove autovetture ibride ed elettriche hanno bisogno di una fonte esterna per l'alimentazione e la rete di superficie è scarsa e insufficiente, ma potrebbe essere implementata con impianti di ricarica nella realizzazione di eventuali Pup,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di nominare ai sensi dell'articolo 11, della legge 23 agosto 1988, n. 400, dei Commissari straordinari ad acta, d'intesa con le amministrazioni locali, al fine accelerare la realizzazione degli interventi previsti dalla legge n. 122 del 1989 nelle aree urbane, ove l'impatto della mobilità privata produce evidenti effetti negativi sia sull'inquinamento dell'aria, sulla salute e sulla circolazione.
9/3278-AR/2. Longo.