• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/02381/008/ ... in sede di esame del disegno di legge "Conversione in legge del decreto legge 8 settembre 2021, n. 120, recante disposizioni per il contrasto degli incendi boschivi e altre misure urgenti di...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/2381/8/13 presentato da GISELLA NATURALE
martedì 19 ottobre 2021, seduta n. 248

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge "Conversione in legge del decreto legge 8 settembre 2021, n. 120, recante disposizioni per il contrasto degli incendi boschivi e altre misure urgenti di protezione civile";
premesso che:
l'art. 4 del decreto legge in esame reca Misure per il rafforzamento delle attività di previsione e prevenzione degli incendi boschivi;
considerato che:
la tutela e la valorizzazione del patrimonio boschivo e del paesaggio è il fine del decreto in esame, nonché delle politiche attive nazionali e internazionali a protezione ambientale e all'incremento della biodiversità;
in Italia troviamo una serie di percorsi antichi attualmente rintracciabili in strade rurali, strade bianche, tratturi, percorsi pedonali e mulattiere di rilevante interesse storico, argini di fiumi, alzaie di canali, altri sentieri di pianura o di montagna, i quali sono in parte sovrastati da infrastrutture per i trasporti, in altra parte posseduti da privati, in altre ancora lasciate all'abbandono, che necessitano di essere rivalutati nel senso di un utilizzo confacente alla mobilità 'lenta' intesa come itinerario volto all'agevolazione delle attività fisiche delle persone, unitamente alla promozione naturalistica, ambientale e turistica del nostro territorio;
valutato che:
interventi mirati all'anzidetta rivalutazione condurrebbero alla riscoperta della ruralità, del cicloturismo, dell'enogastronomia, del trekking, del turismo equestre, dei percorsi spirituali e quelli religiosi;
alcune esperienze di questo tipo, già in corso nel nostro Paese, riscuotono un grande successo, confermando il gradimento dei cittadini ad avvalersi del tempo libero con più lentezza e a misura d'uomo, rivelando paesaggi e percorsi del nostro patrimonio ambientale, culturale e storico, in grado di sostenere le economie delle aree interne già pervase da spopolamento;
l'intervento risulta in linea con quanto specificato nella missione 2 del PNRR "Rivoluzione verde e transizione ecologica", improntata allo sviluppo sostenibile;
impegna il Governo:
ad istituire una rete di Percorsi naturalistici attraverso il recupero, la salvaguardia e la valorizzazione di strade rurali, strade bianche, tratturi, percorsi pedonali e mulattiere di rilevante interesse storico, argini di fiumi, alzaie di canali, altri sentieri di pianura o di montagna e altre infrastrutture lineari dismesse o in abbandono. La rete nazionale dei Percorsi naturalistici è equiparata alle altre reti infrastrutturali nazionali ai fini della pianificazione e della programmazione di livello nazionale e locale, nonché a quella di livello europeo;
a promuovere la mobilità lenta attraverso l'utilizzo della rete nazionale dei percorsi naturalistici percorribili a piedi, in bicicletta o altre forme di mobilità che favorisca l'attività fisica delle persone, finalizzata alla fruizione dell'ambiente e del paesaggio, all'attività ricreativa, con particolare attenzione ai disabili, ai minori e agli anziani.
(0/2381/8/13)
Naturale, Vanin, Pavanelli, Campagna