• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/06043 CALDEROLI, AUGUSSORI, BERGESIO, FAGGI, CAMPARI, ARRIGONI, MONTANI, LUNESU, ALESSANDRINI, RICCARDI, URRARO, GRASSI, PIZZOL, BRIZIARELLI, PIANASSO, PIROVANO, ZULIANI, CANDURA, VALLARDI, DORIA,...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-06043 presentata da ROBERTO CALDEROLI
mercoledì 22 settembre 2021, seduta n.362

CALDEROLI, AUGUSSORI, BERGESIO, FAGGI, CAMPARI, ARRIGONI, MONTANI, LUNESU, ALESSANDRINI, RICCARDI, URRARO, GRASSI, PIZZOL, BRIZIARELLI, PIANASSO, PIROVANO, ZULIANI, CANDURA, VALLARDI, DORIA, CANTU', TOSATO, PILLON, LUCIDI, RIVOLTA, FERRERO, PERGREFFI, RUFA, TESTOR, DE VECCHIS - Al Ministro della salute. - Premesso che:

il diabete insipido è una rara malattia metabolica, con una prevalenza di uno a 25.000, provocata da una mancata o insufficiente secrezione o da una ridotta sensibilità dei reni all'azione dell'ormone antidiuretico (vasopressina). La vasopressina è un ormone che agisce a livello renale stimolando il riassorbimento dell'acqua e bilanciando il meccanismo della diuresi, quando questo equilibrio risulta alterato la conseguenza è la produzione di grandi quantità di urine (poliuria) a cui l'organismo risponde aumentando la sensazione di sete e quindi la richiesta di liquidi (polidipsia);

il diabete insipido può essere provocato da una mancata o insufficiente secrezione dell'ormone antidiuretico (vasopressina o Adh) da parte dell'ipotalamo e dell'ipofisi posteriore o da una ridotta sensibilità dei reni all'azione di questo stesso ormone. Nel primo caso si parla di diabete insipido centrale o neurogenico, mentre nel secondo caso si parla di diabete insipido nefrogenico;

qualora l'organismo non sia assolutamente in grado di produrre l'ormone antidiuretico, il malato potrà arrivare a urinare, in assenza di cure, anche 20 litri di urina al giorno: questa situazione costituisce un grave pericolo per la salute, a causa della seria disidratazione a cui è sottoposto l'organismo, nonché una grave limitazione alla conduzione di una vita normale;

considerato che:

nel 2001, con l'approvazione del decreto ministeriale n. 279 del 2001, è stato pubblicato un primo elenco di malattie rare che hanno diritto all'esenzione del ticket sanitario. L'elenco è stato poi sottoposto a un aggiornamento nel 2017, con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017 (allegato 7);

nell'elenco, all'interno del capitolo 12, malattie dell'apparato genito-urinario, è stato inserito il diabete insipido nefrogenico, codice RJ0010, risultando, invece, assente il diabete insipido centrale,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno procedere alla revisione dell'elenco delle malattie rare esenti dalla partecipazione al costo, di cui all'allegato 7 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 dicembre 2017, inserendovi anche il diabete insipido centrale.

(4-06043)