• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/02382/024 premesso che: il decreto-legge in esame introduce misure di straordinaria necessità ed urgenza in relazione all'emergenza Covid, prorogando misure restrittive esistenti...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/2382/24 presentato da LELLO CIAMPOLILLO
mercoledì 15 settembre 2021, seduta n. 359

Il Senato,
premesso che:
il decreto-legge in esame introduce misure di straordinaria necessità ed urgenza in relazione all'emergenza Covid, prorogando misure restrittive esistenti ed introducendo taluni obblighi, in particolare (v. Articolo 3) l'utilizzo della certificazione Covid-19 per accedere a determinati luoghi o servizi; tali misure sono fonte di criticità per il possibile uso discriminatorio dei pass come strumento di selezione, comunque inidoneo per la finalità di garanzia della tutela della pubblica salute;
è ormai noto che i possessori di certificato Covid conseguito ad esito di vaccinazione possono contagiare; orbene, la proposta del Governo di introdurre tali limitazioni (sollevando tuttavia chi è vaccinato o guarito dal loro rispetto) costituisce misura idonea a cagionare pericolo alla salute pubblica e si pone anche in contrasto con la Risoluzione 2383/21 dall'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, Paragrafi 3 ed 8, che stabiliscono come illegittima la discriminazione fondata su un "pass" concesso a chi è potenzialmente infettivo; in particolare, il Paragrafo 8 stabilisce che "fino a quando non esisteranno prove scientifiche chiare e consolidate, potrebbe essere discriminatorio revocare le restrizioni per coloro che sono stati vaccinati mantenendole per coloro che non lo hanno fatto" ("Until clear and well-established scientific evidence exists, it may be discriminatory to lift restrictions for those who have been vaccinated whilst maintaining them for those who have not");
in conseguenza di tali evidenze, ed al fine ulteriore di evitare la predetta discriminazione,
impegna il Governo ad introdurre una disposizione normativa per cui in tutti i luoghi in cui è fatto obbligo di esibire il certificato Covid debba venire richiesto in ogni caso un tampone negativo quanto più prossimo nel tempo (anche salivare o antigenico rapido), acquisito ormai che il certificato ottenuto da vaccinazione non rappresenta un metodo sicuro per impedire la diffusione del virus.
(numerazione resoconto Senato G3.201)
(9/2382/24)
Ciampolillo, Martelli