• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/02787 LUPO, DI GIROLAMO, FEDE, PAVANELLI, ROMANO, MAUTONE, DI PIAZZA, MATRISCIANO, MONTEVECCHI, NATURALE, BOTTICI, PIRRO, TRENTACOSTE, PRESUTTO - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali,...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-02787 presentata da GIULIA LUPO
giovedì 5 agosto 2021, seduta n.356

LUPO, DI GIROLAMO, FEDE, PAVANELLI, ROMANO, MAUTONE, DI PIAZZA, MATRISCIANO, MONTEVECCHI, NATURALE, BOTTICI, PIRRO, TRENTACOSTE, PRESUTTO - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali, delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e dello sviluppo economico. - Premesso che:

con l'articolo 79 del decreto-legge n. 18 del 2020, come modificato dall'articolo 202 del decreto-legge n. 34 del 2020 e dall'articolo 87 del decreto-legge n. 104 del 2020, è stata autorizzata la costituzione di una nuova società, interamente controllata dal Ministero dell'economia e delle finanze ovvero controllata da una società a prevalente partecipazione pubblica anche indiretta, per l'esercizio dell'attività d'impresa nel settore del trasporto aereo di persone e merci;

il decreto ministeriale di costituzione della nuova società (denominata Italia trasporto aereo S.p.A., ITA) è stato firmato il 9 ottobre 2020 e, in data 21 dicembre 2020, il consiglio di amministrazione ha approvato lo schema di piano industriale 2021-2025, trasmesso poi alle Camere per l'espressione del parere da parte delle competenti Commissioni parlamentari e inviato alle autorità europee;

considerato che:

il citato articolo 79, al comma 6, prevedeva la possibilità di trasferire il personale ricompreso nel perimetro delle società Alitalia S.p.A. e Alitalia Cityliner S.p.A. in amministrazione straordinaria, insieme con i complessi aziendali da cedere ad ITA;

il decreto-legge n. 34 del 2020, con l'art. 202, comma 1, lett. d), ha abrogato tale disposizione, eliminando, di conseguenza, la possibilità prevista dalla norma originaria di costituzione di ITA di trasferire il personale con i complessi aziendali;

il 23 febbraio 2021 l'8a Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) del Senato ha approvato un parere favorevole con osservazioni allo schema di piano industriale 2021-2025 della nuova società ITA, raccomandando, tra l'altro, di garantire a tutti i dipendenti di Alitalia e delle altre società del gruppo in amministrazione straordinaria di svolgere le attività di addestramento e aggiornamento dei brevetti aeronautici presso il centro di addestramento della compagnia, e di adoperarsi al fine di garantire il mantenimento delle licenze, certificazioni, titoli professionali ai lavoratori del trasporto aereo di ogni qualifica e mansione;

il parere ha altresì segnalato l'urgenza di garantire la disponibilità di ammortizzatori sociali idonei a fronteggiare le specifiche necessità del comparto del trasporto aereo, almeno fino alla realizzazione della strategia di reintegro dei lavoratori prevista dal piano, prevedendo a tal fine anche un adeguato intervento di sostegno finanziario straordinario per il 2021 del FSTA (fondo di solidarietà del trasporto aereo);

l'articolo 11-quater del decreto-legge n. 73 del 2021, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 106 del 2021, ha introdotto nuove disposizioni concernenti l'operatività di Alitalia e di Alitalia Cityliner in amministrazione straordinaria, le modalità di cessione dei complessi aziendali, nonché le modalità di esecuzione del programma della procedura di amministrazione straordinaria;

considerato inoltre che:

il 15 luglio 2021 la Commissione europea ha inviato alle istituzioni italiane una lettera nella quale ha valutato positivamente il piano industriale di ITA S.p.A., come modificato a seguito delle interlocuzioni avvenute e nella stessa data il consiglio di amministrazione di ITA ha approvato le linee del piano industriale 2021-2025 con le variazioni richieste dalla Commissione europea;

dal piano approvato emerge che ITA avvierà le proprie operazioni nel 2021 con un numero di dipendenti, assunti per gestire l'attività "aviation", pari a 2.750-2.950, che salirà a fine piano (2025) a 5.550-5.700 persone. Tutte le persone verranno assunte con un nuovo contratto di lavoro. Qualora ITA si aggiudicasse le gare bandite da Alitalia in amministrazione straordinaria relative alle attività di "ground handling" e "manutenzione", è previsto a conclusione del piano (2025) l'impiego di fino a 2.650-2.700 risorse per la parte ground handling e di 1.100-1.250 risorse nell'area che attiene alla manutenzione;

rilevato che:

a quanto risulta agli interroganti una parte del personale di Alitalia in amministrazione straordinaria è stato assunto in ITA;

da notizie di stampa si apprende che, al fine di segnare la discontinuità con le società in amministrazione straordinaria, il contingente di personale della ITA dovrà essere assunto ex novo, previa procedura selettiva tramite una piattaforma gestita da una società terza che si occuperà delle selezioni,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza delle procedure e dei criteri adottati nella selezione del personale già assunto da ITA S.p.A. nonché di quelli che saranno impiegati per il contingente di personale della società stessa che dovrà essere assunto ex novo affinché siano garantiti i principi di trasparenza e siano evitate discriminazioni tra i lavoratori;

quali strumenti intendano attivare, con specifico riferimento agli ammortizzatori sociali, per il personale che resta nelle società Alitalia S.p.A. e di Alitalia Cityliner in amministrazione straordinaria;

quali iniziative intendano intraprendere per la salvaguardia dei livelli occupazionali dell'indotto.

(3-02787)