• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02435-A/034    premesso che:     il provvedimento in oggetto reca disposizioni anche in tema di efficienza dei procedimenti penali, con riferimento al deposito degli atti e dei documenti,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02435-A/034presentato daFONTANA Gregoriotesto diMartedì 3 agosto 2021, seduta n. 553

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in oggetto reca disposizioni anche in tema di efficienza dei procedimenti penali, con riferimento al deposito degli atti e dei documenti, nonché in materia di notificazioni in ogni ordine e grado;
    si tratta di disposizioni dirette a snellire gli adempimenti degli organi e degli uffici deputati alle notificazioni giudiziarie. Le norme in esame non sono suscettibili di determinare oneri a carico della finanza pubblica ma, al contrario, come riporta la relazione tecnica al provvedimento, sono idonee a realizzare possibili risparmi di spesa;
    al fine di poter rendere operative tali norme, è indispensabile un raccordo con le amministrazioni competenti per sviluppare gli strumenti di innovazione tecnologica in materia informatica e telematica per l'erogazione dei servizi di giustizia;
    l'innovazione telematica per l'erogazione dei servizi di giustizia è doverosa non solo per la piena efficienza dei procedimenti penali, ma anche per permettere al cittadino di assolvere altre incombenze legate alle attività degli uffici giudiziari. Tra queste ricordiamo che, a seguito dell'approvazione del decreto-legge n. 77 del 2021 (cosiddetto Semplificazioni), ex articolo 38-bis, recante «semplificazioni in materia di procedimenti elettorali attraverso la diffusione di comunicazioni digitali con le pubbliche amministrazioni» saranno numerose le comunicazioni digitali intercorrenti tra gli uffici elettorali, giudiziari e di casellario, ed i partiti, i movimenti politici ed i comitati promotori di referendum;
    a titolo esemplificativo, per le prossime elezioni amministrative di ottobre 2021, secondo una stima riportata anche nell'Ordine del Giorno 9/3146-AR/96 a firma del sottoscritto ed approvato in sede di conversione del decreto-legge n. 77 del 2021, i circa 4.500 candidati per i partiti nazionali più un numero prossimo ad alcune decine di migliaia di candidati per le liste civiche, potrebbero richiedere ed ottenere via PEC il proprio certificato giudiziale, in adempimento a quanto previsto dall'articolo 1, comma 14 della legge 9 gennaio 2019, n. 3;
    tuttavia, gli uffici dei casellari giudiziali di molte procure della Repubblica sul territorio nazionale non sono ancora dotati di indirizzi di Posta Elettronica Certificata e non è estesa ad essi la possibilità di poter permettere il pagamento telematico per assolvere gli obblighi di liquidazione delle imposte di bollo e ogni altra spesa, imposta o diritto di cancelleria, anche da remoto o mediante apposite piattaforme digitali quali per esempio «Pago PA»,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di sviluppare un servizio telematico che permetta la liquidazione delle imposte di bollo e di ogni altra spesa, imposta o diritto di cancelleria anche mediante piattaforme digitali da remoto, in considerazione anche delle pratiche elettorali.
9/2435-A/34. (Testo modificato nel corso della seduta) Gregorio Fontana, Pittalis, Cristina, Cassinelli, Rossello.