• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02435-A/085    premesso che:     il disegno di legge recante «Delega al Governo per l'efficienza del processo penale e disposizioni per la celere definizione dei procedimenti giudiziari...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02435-A/085presentato daEHM Yana Chiaratesto diMartedì 3 agosto 2021, seduta n. 553

   La Camera,
   premesso che:
    il disegno di legge recante «Delega al Governo per l'efficienza del processo penale e disposizioni per la celere definizione dei procedimenti giudiziari pendenti presso le corti d'appello» introduce disposizioni in materia di ragionevole durata dei giudizi di impugnazione;
    tali disposizioni prevedono che se il giudizio di appello non trova definizione entro il termine di due anni e quello di Cassazione entro il termine di un anno, il superamento di tali termini costituisce causa di improcedibilità dell'azione penale;
    dunque, tale previsione si abbatte come una scure sul processo penale annullando uno ma anche due gradi di giudizio senza tener conto del tipo di reato per il quale si procede, del dispendio di risorse pubbliche, della frustrazione della parte civile, beffata dello Stato;
    l'improcedibilità diventa sinonimo di amnistia: reati di maggiore allarme sociale resterebbero impuniti;
    si pensi al reato previsto dall'articolo 7 della legge 2 maggio 1974, n. 195: l'unica fattispecie di reato in materia di cosiddetto finanziamento illecito ai partiti e sulla quale sono intervenuti correttivi al fine di scongiurare ipotesi di corruzione;
    la riforma si atteggia come se questo reato non avesse un fondamento reale, al punto da disinteressarsi circa la possibilità che il tutto si risolva con l'improcedibilità permettendo l'impunità degli autori,

impegna il Governo

ad adottare attraverso un ulteriore intervento normativo un'integrazione alla materia alla materia dell'improcedibilità, indicando tra i procedimenti per i quali non trova applicazione anche quelli aventi ad oggetto il reato previsto e punito dall'articolo 7 della legge 2 maggio 1974, n. 195.
9/2435-A/85. Ehm, Spessotto, Vallascas, Leda Volpi, Forciniti, Colletti, Cabras, Corda, Paolo Nicolò Romano, Trano, Maniero, Testamento, Giuliodori, Costanzo, Massimo Enrico Baroni, Sapia, Romaniello, Suriano.