• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/09993 (4-09993)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09993presentato daCORDA Emanuelatesto diDomenica 1 agosto 2021, seduta n. 551

   CORDA, CABRAS, TRANO, SPESSOTTO, SAPIA, COSTANZO, COLLETTI, EHM e SARLI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell'economia e delle finanze, al Ministro della transizione ecologica, al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. — Per sapere – premesso che:

   è da decenni che la piaga degli incendi, ogni estate, distrugge migliaia di ettari di patrimonio boschivo della Sardegna, siti di notevole valenza ambientale, culturale ed economica dell'isola;

   gli incendi che negli ultimi giorni hanno devastato varie zone della provincia di Nuoro e Oristano sono senza precedenti e i danni all'ambiente e all'economia sono ancora incalcolabili. Secondo alcune stime, potrebbero raggiungere addirittura il miliardo di euro;

   le fiamme divampate hanno divorato 20.000 ettari di terra, equivalente al dieci per cento di tutto il territorio della provincia di Oristano. Boschi, pascoli, case, aziende agricole sono andate bruciate e il bestiame è stato ucciso e si contano circa 1.500 sfollati;

   il problema degli incendi in Sardegna dimostra tutta l'incapacità delle istituzioni nazionali e regionali di predisporre un piano che riesca a prevenirli o limitare l'espandersi ed i danni causati dal fuoco. Ogni anno si assiste inermi alle stesse tragedie per poi passare alla conta dei danni senza che venga mai messo in atto un serio e concreto piano antincendio;

   dei piani ripartimentali regionali, veri e propri piani operativi annuali per la programmazione e la prevenzione antincendio, del Corpo forestale, per questo anno, non vi è traccia o, se sono stati varati, non sembra esserci stata attuazione;

   manca un programma, regionale e nazionale, di monitoraggio del territorio che sia effettuato anche attraverso sistemi di rilevazione tecnologicamente avanzati. L'utilizzo di tecnologie digitali consentirebbe la precoce rilevazione e la previsione di incendi, di fare prevenzione e tutelare il patrimonio boschivo, consentendo l'attivazione delle operazioni di spegnimento in tempi rapidissimi;

   mentre i vigili del fuoco, il personale della Forestale e della Protezione civile si sono impegnati senza sosta per affrontare un momento drammatico per tutta la Sardegna, il parco mezzi della Regione è risultato totalmente insufficiente; infatti, è stato necessario attivare il meccanismo europeo di protezione civile per chiedere agli altri Paesi dell'Unione europea l'invio di velivoli in Italia;

   si tratta di un'emergenza ambientale, economica e sociale che richiede l'immediata adozione di misure straordinarie di assistenza alla popolazione, per tutelare il patrimonio ambientale, agricolo ed economico, e di messa in sicurezza del territorio, nell'ottica di una vera e propria transizione ecologica –:

   alla luce della gravissima situazione di cui in premessa, quali concrete iniziative intendano adottare, per quanto di competenza, al fine di sostenere le famiglie, le imprese e i territori colpiti;

   se esista un serio e concreto piano di prevenzione e come esso sia strutturato;

   se e quali iniziative, per quanto di competenza, si intendano porre in essere per verificare cause e circostanze della mancata programmazione e prevenzione attraverso piani antincendio e per promuovere una maggiore efficacia delle medesime attività di programmazione e prevenzione.
(4-09993)