• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/03146-AR/0 ...    premesso che:     l'articolo 63-bis, del disegno di legge all'esame dell'Aula, modifica l'articolo 3 della legge n. 168 del 2017, in materia di domini collettivi,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/03146-AR/093presentato daBATTILOCCHIO Alessandrotesto diVenerdì 23 luglio 2021, seduta n. 546

   La Camera,
   premesso che:
    l'articolo 63-bis, del disegno di legge all'esame dell'Aula, modifica l'articolo 3 della legge n. 168 del 2017, in materia di domini collettivi, introducendo i nuovi commi 8-bis, 8-ter e 8-quater;
    il nuovo comma 8-bis consente l'autorizzazione, da parte delle regioni, dei trasferimenti di diritti di uso civico e permute aventi ad oggetto terreni a uso civico appartenenti al demanio civico in caso di accertata e irreversibile trasformazione, a condizione che i predetti terreni abbiano irreversibilmente perso la conformazione fisica o la destinazione funzionale di terreni agrari, boschivi o pascolativi per oggettiva trasformazione. Inoltre i medesimi terreni devono essere stati in conformità ai vigenti strumenti di pianificazione urbanistica e non devono essere stati trasformati in assenza o in difformità dell'autorizzazione paesaggistica;
    il nuovo comma 8-ter prevede inoltre, tra l'altro, che i trasferimenti di diritti di uso civico e le permute comportano la demanializzazione di tali terreni, i quali sono sottoposti al vincolo paesaggistico. Il comma successivo prevede infine che i terreni dai quali sono trasferiti i diritti di uso civico sono sdemanializzati e su di essi è mantenuto il vincolo paesaggistico; in questo ambito è stata presentata in Parlamento in data 11 settembre 2018 la proposta di legge Battilocchio (A.C. 1154) ed altri, in materia di cessazione dei diritti di uso civico per affrontare una problematica che incide su molte aree del territorio nazionale;
    l'articolo 63-bis del disegno di legge in esame si inserisce nella cornice dei principi della suddetta proposta, inserendo però un potere autorizzativo in capo alle Regioni,

impegna il Governo:

   a valutare l'opportunità fatte salve le competenze dei commissari per la liquidazione degli usi civici, di:
    prevedere, di concerto con le Regioni, misure semplificate relativamente alle procedure per i trasferimenti di diritti di uso civico e le permute di cui in premessa;
    prevedere, anche alla stregua di quanto dettato dalla sentenza della Corte costituzionale 113/2018, l'emanazione di apposite linee guida nazionali a supporto delle Regioni relativamente alle procedure di autorizzazione, per garantire uniformità sul territorio nazionale; prevedere le opportune modifiche alla legge n. 168 del 2017 in materia di domini collettivi al fine di:
    escludere dai beni collettivi i corpi idrici del sottosuolo che appartengano al patrimonio indisponibile delle Regioni fatta eccezione per le sorgenti destinate all'esercizio dell'uso civico;
    prevedere che le autorizzazioni per il cambio di destinazione d'uso, per le permute, per lo scioglimento delle promiscuità e la risoluzione dell'esercizio degli usi in re aliena e per la alienazione dei terreni, previa sclassificazione degli stessi, siano rilasciate dalle regioni, previo parere dei competenti organi territoriali del Ministero della cultura, nel rispetto dei principi e dei limiti stabiliti dalla legge n. 1766 del 1927, e del regio decreto n. 332 del 1928.
9/3146-AR/93. (Testo modificato nel corso della seduta) Battilocchio, Spena, Nevi.