• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.3/02397    il Ministro degli esteri pakistano ha confermato, il 9 giugno 2021, che dall'ambasciata italiana di Islamabad in Pakistan sono stati trafugati mille adesivi per i visti Schengen che aprono...



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Assemblea 3-02397presentato daLOLLOBRIGIDA Francescotesto presentato Martedì 13 luglio 2021 modificato Mercoledì 14 luglio 2021, seduta n. 540

   LOLLOBRIGIDA, MELONI, DELMASTRO DELLE VEDOVE, ALBANO, BELLUCCI, BIGNAMI, BUCALO, BUTTI, CAIATA, CARETTA, CIABURRO, CIRIELLI, DE TOMA, DEIDDA, DONZELLI, FERRO, FOTI, FRASSINETTI, GALANTINO, GEMMATO, LUCASELLI, MANTOVANI, MASCHIO, MOLLICONE, MONTARULI, OSNATO, PRISCO, RAMPELLI, RIZZETTO, ROTELLI, RACHELE SILVESTRI, SILVESTRONI, TRANCASSINI, VARCHI, VINCI e ZUCCONI. — Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale . — Per sapere – premesso che:
   il Ministro degli esteri pakistano ha confermato, il 9 giugno 2021, che dall'ambasciata italiana di Islamabad in Pakistan sono stati trafugati mille adesivi per i visti Schengen che aprono le porte a 26 Paesi europei;
   la notizia è stata confermata dall'ambasciatore italiano Andreas Ferrarese che, interpellato dalla stampa, ha affermato che «c’è stato un ammanco. Abbiamo individuato l'assenza grazie a controlli periodici e regolari che facciamo. E una volta accertata, abbiamo subito informato l'autorità giudiziaria italiana, tutti i partner Schengen, le autorità di frontiera e quelle del Paese ospite per far sì che si potessero prendere tutte le misure precauzionali per limitare il danno»;
   il Pakistan è undicesimo nella classifica dei Paesi con il più alto tasso di visti Schengen negati;
   è fatto notorio che in Pakistan siano particolarmente attivi, radicati e diffusi gruppi integralisti islamici che potrebbero usufruire dei visti per consentire a numerosi terroristi di far ingresso indisturbati in Europa;
   l'accaduto preoccupa e sconcerta sul fronte della sicurezza, al punto che se ne sta occupando Eurojust, l'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione in materia di giustizia penale e di contrasto alla criminalità organizzata internazionale e al terrorismo internazionale;
   in effetti quanto accaduto, per quanto sia sconcertante a prescindere, assume tratti inquietanti se solo si considera che il Pakistan è considerato tradizionalmente un « hub del terrorismo islamico»;
   poiché nessuno può entrare in ambasciata senza un permesso speciale, quanto accaduto rappresenta certamente una falla nel sistema di sicurezza –:
   se sia stata disposta, alla data odierna, un'indagine interna sull'accaduto o se si intenda disporla e quali siano i protocolli di sicurezza adottati per impedire, soprattutto ad eventuali terroristi, di poter utilizzare gli adesivi per i visti Schengen trafugati. (3-02397)