• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/09669 (4-09669)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-09669presentato daLEGNAIOLI Donatellatesto diMercoledì 30 giugno 2021, seduta n. 533

   LEGNAIOLI e MACCANTI. — Al Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, al Ministro per le disabilità. — Per sapere – premesso che:

   ormai da molto tempo le infrastrutture ferroviarie del nostro Paese necessiterebbero di un piano di manutenzione ordinaria e straordinaria che migliori l'accessibilità e che consenta l'abbattimento di barriere architettoniche che creano disagio a molti cittadini;

   il 17 giugno 2021, un cittadino in sedia a rotelle, dopo aver eseguito correttamente tutte le procedure, già di per sé gravose, previste per predisporre l'assistenza per la salita e la discesa dal treno e aver prenotato il biglietto nei tempi previsti, giunto da Bari alla stazione di Pontedera, è rimasto bloccato al binario 3 della stazione in questione, in quanto gli ascensori erano fuori servizio e non vi era, per lui, alcun modo alternativo di raggiungere l'uscita della stazione ferroviaria;

   dopo un'ora e mezza di attesa per il cittadino e per tutti gli altri passeggeri del treno in questione, il capotreno ha deciso di far ripartire il convoglio per Cascina (Pisa) per poi tornare indietro e fermarsi grazie a una manovra di scambio, sul binario 1 della stazione di Pontedera in modo da permettere all'uomo di scendere e uscire dallo scalo ferroviario senza dover affrontare scalini o altre barriere;

   la vicenda, com'è ovvio, ha provocato disagio sia nei confronti del cittadino, che aveva eseguito correttamente tutte le procedure prescritte in questi casi, sia nei confronti degli altri passeggeri del treno che hanno visto allungarsi ulteriormente la loro percorrenza;

   la stazione in questione era stata inaugurata soltanto nel giugno 2018, in seguito a un intervento di riqualificazione, realizzato da Rete ferroviaria italiana con un investimento di 5 milioni di euro, che ha riguardato le banchine, la pensilina, il sistema di illuminazione e i tre marciapiedi di servizio dei binari, nonché la realizzazione di ascensori e scale nuove –:

   in attesa che venga fatta luce su questa vicenda e che vengano accertate le responsabilità, quali iniziative di competenza il Governo intenda adottare affinché si predisponga finalmente un vero piano di manutenzione che migliori l'accessibilità in tutte le strutture ferroviarie italiane, in modo da consentire a tutti di spostarsi autonomamente a prescindere dalla propria condizione fisica, sensoriale o anagrafica, ed evitare che questi disservizi provochino anche in futuro simili situazioni di disagio per tutti gli utenti.
(4-09669)