• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/06047 (5-06047)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-06047presentato daINCERTI Antonellatesto diGiovedì 20 maggio 2021, seduta n. 512

   INCERTI, CENNI, AVOSSA, CRITELLI, CAPPELLANI e FRAILIS. — Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. — Per sapere – premesso che:

   negli ultimi giorni in Italia è nato un dibattito intorno a un complesso negoziato in corso nelle istituzioni dell'Unione europea sulla regolamentazione dei vini dealcolati, che cioè contengono un basso o nullo quantitativo di alcol;

   secondo quanto riportato da alcune associazione agricole le nuove regole dell'Unione europea sui vini dealcolati rappresenterebbero un pericoloso precedente che metterebbe fortemente a rischio l'identità del vino italiano ed europeo;

   fonti vicine all'Unione europea, secondo quanto riportato da alcuni organi di stampa, hanno chiarito che la proposta della Commissione europea non contiene alcun riferimento all'aggiunta di acqua nel vino per mantenere il volume iniziale di prodotto quando si vuole azzerare la gradazione per mettere in commercio «vini senza alcol». La precisazione riguarda i negoziati che si stanno svolgendo nell'ambito della nuova Politica agricola comune europea (Pac);

   secondo alcuni produttori vinicoli la discussione sui vini dealcolati andrebbe affrontata con maggiore cautela. La domanda di vini — e più in generale di bevande — a basso contenuto alcolico c'è ed è in crescita. Inoltre, con le bevande senza alcol si aprirebbero nuovi mercati nei Paesi dove non si consumano bevande alcoliche e tra i consumatori che non vogliono o non possono assumere alcolici per motivi legati alla salute;

   è previsto sul tema un prossimo incontro tra Commissione, Consiglio e Parlamento europeo, che si terrà tra il 23 e il 25 maggio 2021 –:

   se sia a conoscenza di quanto sopra esposto e quali iniziative intenda assumere anche a tutela dei vini italiani a denominazione, nelle competenti sedi europee.
(5-06047)