• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/07875 (4-07875)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 6 maggio 2021
nell'allegato B della seduta n. 502
4-07875
presentata da
RIXI Edoardo

  Risposta. — Con l'atto di sindacato ispettivo in esame gli interroganti chiedono di conoscere quali intenzioni il Governo intenda assumere per ripristinare la viabilità della strada statale del Turchino, anche prevedendo l'esenzione temporanea dal pagamento del pedaggio relativo alla tratta autostradale A26 compresa tra Masone ed Ovada ed il passaggio dell'intero tratto stradale ad ANAS senza oneri per gli enti locali.
  Al riguardo, sulla base delle informazioni fornite dalla direzione generale per le strade e le autostrade e per la vigilanza e la sicurezza nelle infrastrutture stradali e dalla società ANAS, si rappresenta quanto segue.
  La rete stradale e autostradale ligure attualmente è interessata da diversi interventi di riqualificazione e adeguamento, in particolare concentrati su viadotti, ponti, gallerie, barriere e protezioni acustiche
  Infatti, su specifica richiesta del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, i gestori hanno avviato apposite indagini per accrescere la conoscenza dello stato delle singole infrastrutture e per una più efficace programmazione degli interventi di manutenzione, con l'obiettivo di ridurre al massimo il disagio per l'utenza.
  A tale proposito, nel mese di novembre 2020 è stato attivato un tavolo di coordinamento con gli enti territoriali e le principali associazioni di categoria, nell'ambito del quale periodicamente si condividono i programmi di intervento e le misure di ottimizzazione del traffico. Al contempo è stato avviato un confronto con i concessionari stradali, per individuare eventuali agevolazioni tariffarie destinate a compensare i disagi derivanti dall'allungamento dei tempi di percorrenza, originati dagli interventi in corso e da quelli programmati.
  Quanto alle interruzioni lungo le strade gestite dalla società ANAS, la società ha segnalato che sono in corso di perfezionamento specifici protocolli di intesa con i concessionari per l'utilizzo alternativo della viabilità autostradale. Al contempo, la medesima ANAS ha proceduto ad avviare tutti gli interventi necessari per il celere ripristino della viabilità lungo tutte le tratte interessate dalle interruzioni.
  Infine, per quanto riguarda la ex strada statale 456 del Turchino, la stessa è ricompresa nell'elenco delle strade di rientro di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 21 novembre 2019 e trasferite ad ANAS, che procederà alla sua formale presa in carico entro il corrente mese e, pertanto, potrà realizzare gli interventi necessari per il regolare esercizio della circolazione.
  In particolare, ANAS pianificherà e progetterà gli interventi di messa in sicurezza del tratto stradale interessato dai dissesti utilizzando i fondi messi a disposizione per il rientro strade.
  In particolare, verranno avviati i lavori per la realizzazione di nuove linee di barriere e valli paramassi, di cui si prevede la conclusione entro la stagione estiva 2021.
Il Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili: Enrico Giovannini.