• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05935 (5-05935)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 6 maggio 2021
nell'allegato al bollettino in Commissione XIII (Agricoltura)
5-05935

  Signor Presidente, Onorevoli deputati,

  rilevo in premessa che il nostro Ministero sta dando attuazione alla Direttiva (UE) 2019/633 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 aprile 2019 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare che andrà a modificare ed a sostituire l'articolo 62 del decreto-legge n. 1 del 20 gennaio 2012.
  Tale normativa prevede espressamente che il campo di applicazione sia riferito agli acquisti di beni e servizi mentre sono espressamente esclusi i conferimenti di beni dai soci di una Cooperativa alla Cooperativa stessa.
  Nel dettaglio, sul tema dei tempi e dei ritardi di pagamento, il considerando 17 della direttiva prevede che «Tali limiti dovrebbero applicarsi solo ai pagamenti connessi alla vendita di prodotti agricoli e alimentari e non ad altri pagamenti, quali i pagamenti supplementari versati da una cooperativa ai propri membri» escludendo pertanto questa fattispecie societaria dal qualsivoglia vincolo riguardante ritardi di pagamento dei pagamenti supplementari e demandando la questione agli accordi pattizi tra socio e cooperativa.
  Tutto ciò premesso laddove il socio della Cooperativa ravvisasse che il ritardo nel pagamento da parte della cooperativa si configuri come una pratica sleale, con la direttiva in parola e il decreto legislativo di attuazione avrà a disposizione gli elementi per denunciare tale presunta pratica alle autorità competenti individuate nell'ICQRF che potrà verificare la fattispecie anche attraverso indagini specifiche ed, eventualmente, inibire la condotta sleale.
  Il Ministero adotterà la direttiva nei tempi previsti compatibilmente con la recente emanazione della legge di delegazione approvata in Senato il 20 aprile 2021, tenendo conto che essa deve entrare in vigore entro il 1° novembre 2021.