• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05936 (5-05936)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-05936presentato daPEZZOPANE Stefaniatesto diMercoledì 5 maggio 2021, seduta n. 501

   PEZZOPANE. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   come segnalato da diversi patronati, l'erogazione delle somme a saldo dell'attività svolte da detti istituti, ai sensi dell'articolo 13 della legge n. 152 del 2001, è ferma al lontano 2012, nonostante, nel frattempo, le funzioni e le attività dei medesimi istituti si siano incrementate in maniera esponenziale;

   il pesantissimo ritardo nell'erogazione dei saldi, unito al penalizzante sistema utilizzato per erogare gli acconti sta determinando gravissime conseguenze finanziarie che, spesso, costringono a dover disporre la riduzione dell'attività del personale e a ricorrere al fondo di integrazione salariale;

   alcuni patronati, tra cui il patronato Anmil, sono stati costretti a proporre ricorso al Tar per l'accertamento della illegittimità del silenzio serbato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali circa l'obbligo di provvedere alla emanazione del decreto per la ripartizione definitiva dei fondi a favore degli istituti;

   con riferimento al ricorso presentato dall'Anmil, relativo al saldo per l'anno 2017, il Tar del Lazio, con sentenza 12001/2020 del 16 novembre 2020, ha dato ragione al ricorrente istituto, condannando l'amministrazione alla rifusione delle spese di lite e ordinando all'amministrazione stessa di provvedere con atto espresso entro e non oltre 30 giorni dalla comunicazione/notificazione della presente decisione. Con la medesima sentenza, veniva nominato il segretario generale del Ministero del lavoro e delle politiche sociali quale commissario ad acta deputato, in caso di infruttuosa scadenza del termine di cui sopra, alla esatta esecuzione della presente decisione nei sensi e nei termini di cui in parte motiva;

   detti termini esecutivi risultano abbondantemente decorsi, così come risultano decorsi anche gli ulteriori termini richiesti dal commissario ad acta necessari per raccogliere le informazioni utili per l'adempimento di quanto statuito dal Tar del Lazio –:

   quali iniziative di competenza intenda adottare per affrontare e risolvere le criticità sommariamente indicate in premessa, sia per quanto concerne la vicenda specifica dei ritardi nell'esecuzione della sentenza del Tar del Lazio relativa all'istanza presentata dal patronato Anmil, sia per quanto riguarda la questione più generale dei tempi di erogazione dei saldi annuali previsti in favore di tali istituti.
(5-05936)