• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.2/01206 (2-01206) «Galizia, Bella, Casa, Cimino, Del Sesto, Iorio, Carbonaro, Melicchio, Spadafora, Tuzi, Vacca, Valente, Currò, Grimaldi, Migliorino, Ruocco, Troiano, Zanichelli, Battelli, Berti,...



Atto Camera

Interpellanza urgente 2-01206presentato daGALIZIA Francescatesto diMartedì 4 maggio 2021, seduta n. 500

   I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro della cultura, per sapere – premesso che:

   il comparto cinematografico costituisce uno dei settori che maggiormente ha risentito della crisi dovuta alla pandemia da coronavirus;

   stando ai dati raccolti dalla Cinetel, a seguito della prolungata chiusura delle sale per la maggior parte dell'anno passato, il mercato italiano nel 2020 ha registrato il 93 per cento circa in meno di incassi e di presenze rispetto al 2019 (per una differenza negativa di più di 460 milioni). In precedenza, alla fine del mese di febbraio, prima dell'inizio dell'emergenza, il mercato cresceva in termini di incasso di più del 20 per cento rispetto al 2019, del 7 per cento circa sul 2018 e di più del 3 per cento rispetto al 2017;

   di fronte a numeri così drammatici, in risposta alle difficoltà derivanti dall'emergenza sanitaria da Covid-19, sono state adottate diverse misure volte a sostenere gli operatori del settore del cinema e dell'audiovisivo, tra cui l'innalzamento delle aliquote massime di alcuni crediti di imposta destinati alle imprese del settore;

   in particolare, con il decreto direttoriale del 19 aprile 2021 del Ministero della cultura - direzione generale cinema e audiovisivo (Dgca), sono state rese note, ai fini dell'ammissibilità al beneficio fiscale, le disposizioni applicative in merito alla presentazione delle richieste, in base alle diverse linee di intervento, del credito d'imposta per la sessione 2021, la cosiddetta tax credit;

   nel dettaglio, è stata aperta la sessione di presentazione delle istanze per i bonus riguardanti: lo sviluppo di opere audiovisive (codice settore TCSF2); la produzione di opere di ricerca e formazione (codice settore TCORF2); la produzione di videoclip (codice settore TCVC2); la produzione cinematografica (codice settore TCPF2);la produzione di opere TV (codice settore TCAVTV2) e per la produzione di opere Web (codice settore TCAVTW2);

   dopo poche ore dall'apertura della sessione Tax Credit, con avviso del 26 aprile 2021, la Dgca ha quindi comunicato la sospensione della possibilità di inviare domanda per la linea di intervento di credito d'imposta per la produzione cinematografica (TCPF2, TCSF2) in relazione all'esaurimento delle risorse disponibili, a fronte delle richieste pervenute;

   le imprese del comparto cinematografico, già duramente colpite dalla crisi economica scatenata dalla pandemia e dalle relative restrizioni, hanno lamentato difficoltà nell'accesso alla piattaforma informatica Dgcol, tanto che molti, anche dopo aver inserito, non senza problemi, i dati e la documentazione richiesta, non hanno potuto ultimare il caricamento della domanda;

   per quanto di conoscenza, risulterebbero così escluse dal beneficio fiscale proprio quelle piccole e medie imprese maggiormente danneggiate dalla pandemia o che hanno avuto la sfortuna di essere uscite con i propri prodotti cinematografici nell'imminenza della chiusura delle sale –:

   se il Ministro interpellato sia in possesso di dati aggiornati relativi al numero delle aziende che hanno potuto beneficiare della tax credit per la produzione cinematografica e per quale ammontare complessivo;

   se il Ministro interpellato, sulla base di quanto illustrato in premessa, ritenga opportuno prevedere una riapertura, in tempi brevi, della finestra di accesso alla richiamata linea di intervento per la presentazione delle richieste di credito d'imposta per la sessione 2021, consentendo in tal modo il recupero di quelle domande completate ma non finalizzate, per ragioni dipendenti dalla piattaforma, al fine di rendere maggiormente accessibile anche ai produttori indipendenti e alle piccole imprese del comparto cinematografico l'ammissione al beneficio fiscale della tax credit.
(2-01206) «Galizia, Bella, Casa, Cimino, Del Sesto, Iorio, Carbonaro, Melicchio, Spadafora, Tuzi, Vacca, Valente, Currò, Grimaldi, Migliorino, Ruocco, Troiano, Zanichelli, Battelli, Berti, Bruno, Businarolo, Ianaro, Grillo, Papiro, Ricciardi, Vignaroli, Adelizzi, Buompane, Donno».