• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05872 (5-05872)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 29 aprile 2021
nell'allegato al bollettino in Commissione I (Affari costituzionali)
5-05872

  Signor Presidente, Onorevoli deputati, l'atto Parlamentare in argomento si riferisce alla denuncia di una cittadina cinese residente a Prato, madre di tre figli minori, conviventi – con il suo consenso – presso il padre, di nazionalità cinese, anch'egli residente a Prato e dal quale la cittadina cinese in questione è di fatto separata.
  Nello scorso mese di luglio la cittadina cinese avrebbe appreso da un conoscente l'intenzione del marito di portare con sé i figli in Cina, e insospettita dal fatto di non riuscire ad avere più contatti, neppure telefonici, con figli, la medesima ha diffidato formalmente, mediante un legale, il coniuge dal portare i propri figli minorenni fuori dall'Italia. Poi, a causa del persistere dell'impossibilità di contattare i figli e i suoceri, la cittadina cinese interpellava alcuni parenti nel Paese d'origine, apprendendo da essi che i suoi tre figli si trovavano effettivamente in Cina.
  A quel punto, il 20 agosto 2020, la donna sporgeva denuncia alla locale Questura.
  Dalle prime verifiche effettuate è emerso che i nonni patemi e i tre minori erano stati registrati al posto di frontiera dell'aeroporto di Malpensa in data 6 agosto 2020.
  All'atto controllo, da quanto riferito dagli uffici della pubblica sicurezza, non sarebbe emersa alcuna criticità anche in considerazione del fatto che nessuna evidenza suscettibile di farsi apprezzare quale sottrazione di minori era possibile desumere dalla banca-dati interforze (SDI) a disposizione delle Forze di polizia, nella quale infatti la denuncia di sottrazione di minore, a carico dei nonni paterni, risulta essere stata presentata ed inserita il 20 agosto, e quindi in data successiva alla partenza dei minori.
  Informo infine che il 21 agosto 2020 la Questura di Prato provvedeva a trasmettere la citata denuncia della cittadina cinese all'autorità giudiziaria competente.