• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05804 (5-05804)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-05804presentato daMASI Angelatesto diMartedì 20 aprile 2021, seduta n. 490

   MASI, SUT, ORRICO, SCANU, ALEMANNO, CARABETTA, CHIAZZESE, FRACCARO, GIARRIZZO, PALMISANO e PERCONTI. — Al Ministro del turismo. — Per sapere – premesso che:

   uno sguardo carico di ottimismo e di fiducia sul futuro è il messaggio che il Presidente del Consiglio Draghi ha inviato illustrando la road map delle riaperture (in alcuni casi anticipate rispetto a quanto già stabilito) e il ritorno delle zone «gialle» a partire dal 26 aprile 2021;

   una decisione presa in un contesto molto diverso (miglioramento dei dati epidemiologici e di quelli relativi all'accelerazione della campagna vaccinale) rispetto a quello che nei mesi passati aveva costretto a chiusure delle attività economico-produttive e all'adozione delle necessarie misure restrittive degli spostamenti per contenere la diffusione del Covid-19;

   in questo quadro tuttavia il comparto turistico sul quale la pandemia ha duramente impattato (-53 miliardi di euro di ricavi rispetto al 2019 nel 2020 e -7,9 miliardi nel primo trimestre 2021, con una riduzione del 60 per cento dei flussi italiani e dell'85 per cento di quelli internazionali nei primi tre mesi del 2021) si prepara a ripartire con poche certezze;

   riaprire in sicurezza è la priorità per tutte le strutture turistico ricettive e per tutte le imprese della filiera: gli operatori del settore si preparano da tempo a questo momento, innanzitutto attraverso la predisposizione di importanti ed utili protocolli di sicurezza per i loro dipendenti e per i clienti, che tuttavia andranno aggiornati anche alla luce della suddivisione delle regioni in fasce di rischio diverse;

   strettamente connesso al tema del turismo in sicurezza è anche quello degli spostamenti: a livello europeo è stato di recente raggiunto l'accordo in sede Coreper sugli standard del certificato (green pass) che attesta l'immunità dal Covid-19 con lo scopo di facilitare la libera circolazione all'interno dell'Unione e di altri Paesi che si uniranno all'iniziativa; seguiranno i negoziati con il Parlamento europeo e dunque i tempi dell'approvazione per quello che al momento è senza dubbio lo strumento che serve a salvare l'estate degli Stati membri che fanno più affidamento sul turismo si allungano;

   ci si avvia verso un'estate in cui sarà predominante il turismo interno e a questo proposito è necessario scongiurare il rischio che lo strumento del bonus vacanze – tra le misure di sostegno al comparto contenute nel «decreto Rilancio» – dispieghi pienamente le sue potenzialità –:

   quali iniziative intenda predisporre per il rilancio del comparto turistico tenendo conto dei protocolli di sicurezza elaborati dalle associazioni di categoria, anche alla luce del ruolo di programmazione, coordinamento e promozione delle politiche turistiche nazionali attribuitegli dalla legge.
(5-05804)