• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/08787 (4-08787)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-08787presentato daFUSACCHIA Alessandrotesto diGiovedì 1 aprile 2021, seduta n. 479

   FUSACCHIA, MURONI, BOLDRINI, CARABETTA, CARBONARO, CATTANEO, CECCANTI, CECCONI, FANTINATI, FIORAMONTI, GRIBAUDO, LATTANZIO, LOMBARDO, MAGI, MOR, NOJA, PALAZZOTTO, RIZZONE, ROBERTO ROSSINI e VITIELLO. — Al Ministro per la pubblica amministrazione, al Ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale. — Per sapere – premesso che:

   dalla primavera del 2019 è attivo un intergruppo parlamentare il cui compito è quello di promuovere approfondimenti, dibattiti e iniziative, anche legislative, legate all'intelligenza artificiale al servizio dello sviluppo sostenibile del Paese, Tra i temi che l'Intergruppo porta avanti c'è il contributo che l'intelligenza artificiale può dare alla modernizzazione della pubblica amministrazione e ad una nuova generazione di servizi pubblici;

   nel 2020 Movimenta, forum Disuguaglianze Diversità e ForumPA hanno avanzato una proposta e lanciato un appello pubblico, sostenuto anche da parlamentari, amministratori regionali e sindaci, per chiedere una pubblica amministrazione rigenerata a partire da un rinnovamento generazionale tramite l'assunzione di giovani che possano portare nuove competenze ed esperienze, la riorganizzazione della pubblica amministrazione in base a missioni strategiche, il rafforzamento della pubblica amministrazione attraverso investimenti significativi in formazione del personale in servizio, il dialogo regolare della pubblica amministrazione con il terzo settore e l'adozione diffusa di pratiche amministrative che includano in modo sistematico la partecipazione e la collaborazione di cittadini, imprese, organizzazioni del lavoro e di cittadinanza attiva;

   il Ministro per la pubblica amministrazione, durante la conferenza stampa di presentazione del bando «2.800 tecnici al Sud», ha dichiarato di voler ricorrere all'intelligenza artificiale per selezionare fra i candidati coloro i quali saranno messi a rafforzare le pubbliche amministrazioni nell'attuazione dei progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr);

   è importante procedere a concorsi che sappiano con tempi rapidi attrarre e reclutare i migliori candidati nelle pubbliche amministrazioni, puntando anche su tante italiane e italiani attivi in altri ambiti pubblici o privati, in Italia o all'estero, e puntando ad individuare competenze sia trasversali e manageriali sia verticali legate alle nuove sfide che il Paese deve affrontare, a partire dalla transizione ecologica e dalla transizione digitale;

   con riguardo all'utilizzo dell'intelligenza artificiale nei concorsi pubblici, l'articolo 22 del (Gdpr) stabilisce che l'interessato ha il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente sul trattamento automatizzato, compresa la profilazione, che produca effetti giuridici che lo riguardano o che incida in modo analogo significativamente sulla sua persona, salvo che tale decisione automatizzata sia autorizzata dal diritto dell'Unione o dello Stato membro cui è soggetto il titolare dei trattamento, precisando altresì misure adeguate a tutela dei diritti, delle libertà e dei legittimi interessi dell'interessato. È garantita quindi la tutela della equa selezione dei candidati e fissato il principio in base al quale la procedura non può essere delegata interamente ad intelligenza non umana senza sufficienti garanzie –:

   in cosa consista esattamente il ricorso all'intelligenza artificiale annunciato dal Ministro per la pubblica amministrazione con riguardo alle menzionate procedure di selezione e quale tutela si intenda garantire ai candidati attraverso una combinazione tra software applicativi e competenze umane.
(4-08787)